Apple iAd: adv mobile per sfidare Google

Insieme all’iPad è prevista il prossimo 7 aprile, l’uscita di una nuova piattaforma di mobile advertising: iAd, uscita questa, attesa alla luce anche delle strategie attuate negli ultimi anni da Apple tra cui l’acquisizione di Quattro per 300 milioni di Euro avvenuta lo scorso Gennaio.

Apple iPad E Books

Secondo gli esperti del settore Apple ha fin’ora cercato di sconsigliare agli sviluppatori la creazione di applicazioni che avrebbero consentito agli advertiser la distribuzione di messaggi pubblicitari utilizzando informazioni georeferenziate (basate sulla posizione dell’utente), tutto ciò per poterle sviluppare da sé e  iAd potrebbe essere il mezzo giusto per questo segmento di business, infatti molti pensano che il mercato dell’advertising mobile manchi ancora di un modello di riferimento che potrebbe essere rappresentato appunto da iAd.

Se Apple dovesse intraprendere questa via potrebbe essere osteggiata da Google che al momento è detentore del brevetto sulla pubblicità geolocalizzata, brevetto che sembra coprire in generale il geotargeting attraverso cui determinare un obiettivo di una pubblicità, gestire e stabilire i prezzi e le statistiche degli annunci.

Come ultima informazione, si preannunciano ritardi nelle consegne dei nuovi iPad per chi non ha effettuato il preordine. Il 3 Aprile inizieranno, almeno secondo le stime di Apple, le prime consegne per tutti coloro che hanno ordinato per tempo il nuovo gadget, i ritardatari invece dovranno aspettare almeno fino a dopo Pasqua dato che le scorte sarebbero momentaneamente esaurite.

‘iPad è prevista il prossimo 7 aprile, l’uscita di una nuova piattaforma di mobile advertising: iAd, uscita questa, attesa alla luce anche delle strategie attuate negli ultimi anni da Apple tra cui l’acquisizione di Quattro per 300 milioni di Euro avvenuta lo scorso Gennaio.

Apple iPad E Books

Secondo gli esperti del settore Apple ha fin’ora cercato di sconsigliare agli sviluppatori la creazione di applicazioni che avrebbero consentito agli advertiser la distribuzione di messaggi pubblicitari utilizzando informazioni georeferenziate (basate sulla posizione dell’utente), tutto ciò per poterle sviluppare da sé e  iAd potrebbe essere il mezzo giusto per questo segmento di business, infatti molti pensano che il mercato dell’advertising mobile manchi ancora di un modello di riferimento che potrebbe essere rappresentato appunto da iAd.

Se Apple dovesse intraprendere questa via potrebbe essere osteggiata da Google che al momento è detentore del brevetto sulla pubblicità geolocalizzata, brevetto che sembra coprire in generale il geotargeting attraverso cui determinare un obiettivo di una pubblicità, gestire e stabilire i prezzi e le statistiche degli annunci.

Come ultima informazione, si preannunciano ritardi nelle consegne dei nuovi iPad per chi non ha effettuato il preordine. Il 3 Aprile inizieranno, almeno secondo le stime di Apple, le prime consegne per tutti coloro che hanno ordinato per tempo il nuovo gadget, i ritardatari invece dovranno aspettare almeno fino a dopo Pasqua dato che le scorte sarebbero momentaneamente esaurite.

Commenti Facebook: