APE: per i venditori di case l’efficienza energetica non è importante

Secondo l’ultimo Report immobiliare urbano 2013, in Italia c’è una forte predominanza di immobili in classe energetica G, ad eccezioni delle nuove costruzioni. C’è ancora un alto numero di edifici di classe energetica troppo bassa tra gli immobili ristrutturati, che si traduce in una mancanza d’interesse negli aspetti vincolati al risparmio ed efficienza energetica al momento di eseguire le ristrutturazioni edilizie.

classificazione energetica edificio, incentivi e finanziamenti
Gli agenti immobiliari non ritengono importante l'efficienza energetica di un edificio

Nei giorni scorsi è stato presentato a Roma il Report immobiliare urbano 2013 della Federazione italiana agenti immobiliari professionali (Fiaip), che offre una fotografia delle transazioni immobiliari in Italia considerando inoltre la classe energetica degli immobili, visto l’attuale obbligo dell’Attestato di Prestazione Energetica (APE) per tutti gli atti di compravendita e locazione confermato dalla legge Destinazione Italia.

Nel 2013 lo studio della Fiaip ha preso in considerazione la percezione del mercato e degli agenti stessi in materia di efficienza energetica, i principali ostacoli e le eventuali soluzioni.

L’efficienza energetica non è importante per gli agenti immobiliari

Le interviste condotte agli agenti immobiliari rivelano che per il 70% di essi l’efficienza energetica non è un argomento importante. Circa il 50% degli acquirenti, in effetti, non ha una percezione corretta dell’importanza dell’efficienza energetica (considerata sufficiente per il 30% del campione).

Questi dati dimostrano che l’efficienza energetica non è percepita come un valore importante dai proprietari che cercano di vendere un immobile. Il 60% degli agenti immobiliari inoltre, ritengono non utile la certificazione energetica per chi vende o acquista un immobile.

Gli agenti immobiliari sono però qualificati, e soltanto un 9% ritiene di non avere sufficienti competenze per valutare la qualità di un edificio in materia di efficienza e capacità di risparmio di energia elettrica. Il 50% degli intervistati afferma aver affrontato l’argomento dell’efficienza energetica nei propri percorsi di formazione professionale, intanto che più del 60% si dichiara interessato ad ulteriori approfondimenti.

Più dell’83% degli intervistati considera necessaria una rivalutazione dell’attuale impostazione per incrementare la percezione del valore di mercato di un immobile efficiente rispetto ad uno poco efficiente, intanto che quasi tutti gli agenti ritengono prioritario migliorare i controlli sulla qualità tecnica delle certificazioni.

[WIDGET-LOAN

Finanziamenti ed incentivi per l’efficienza energetica

Per quanto riguarda l’eventuale finanziamento degli interventi di efficienza energetica, il 63% degli agenti immobiliari intervistati lo considera un ostacolo, mentre il 27% lo ritiene un argomento critico o addirittura molto critico.

Infine, rispetto agli attuali incentivi per gli interventi di efficienza energetica, gli agenti li conoscono e sono in gradi di fornire un supporto ai clienti. Più del 91% del campione è disponibile a promuovere presso i clienti eventuali nuovi prestiti per interventi di efficienza energetica in edilizia.

Per maggiori informazioni in materia di prestiti per la ristrutturazione edilizia, vi consigliamo di utilizzare il nostro nuovo comparatore gratuito ed indipendente di prestiti online, che vi consentirà di individuare rapidamente il finanziamento che meglio si adatta alle vostre esigenze.

Confronta Prestiti»

Commenti Facebook: