Aggiornamento Adobe Flash Player

Un pop-up che compare spesso sui nostri browser o sistemi operativi ci informa di un aggiornamento presente per Adobe Flash Player, il software gratuito che permette di visualizzare video, giochi, animazioni varie in moltissimi siti. Spesso abbiamo la cattiva abitudine di chiudere la finestra e non provvedere all’update, ma può essere molto pericoloso: vediamo perché.

Non farlo può esporci a rischi di attacchi informatici. Ecco come rimediare

Che cos’è Adobe Flash Player

A prescindere dal suo futuro, Adobe Flash Player è stato per molti anni e continua ad essere uno dei programmi più diffusi su qualsiasi PC che navighi su Internet, che sia con ADSL che con fibra ottica. Non si può però dire che sia a prova di bomba per quanto riguarda la sicurezza: tutt’altro. Bersaglio favorito da criminali informatici e hacker di ogni tipo, Flash Player viene continuamente aggiornato proprio per evitare che l’utente possa correre pericoli.

Flash Player è un software gratuito nato per usufruire dei contenuti creati con la piattaforma Adobe Flash, come contenuti multimediali, animazioni vettoriali e così via. Il software è disponibile come plugin per tutti i maggiori browser per Internet, e permette di accedere a questi contenuti in modo trasparente.

Standard indispensabile per molti anni, oggi Flash Player è caduto lentamente in disuso, anche per via delle sue numerose falle: molti dispositivi mobili (ad esempio iPhone e iPad) non hanno un player integrato, dal 2017 Chrome non visualizzerà più in modo predefinito siti in Flash, dal 2018 Firefox non supporterà più Flash Player e, in altre parole, nel giro di un paio d’anni si sancirà il pieno dominio dell’HTML5. Perfino la stessa Adobe sconsiglia di utilizzare Flash rispetto a HTML5 nel programmare un sito web.
Confronta le offerte ADSL e fibra

Perché è bene procedere all’aggiornamento Adobe Flash Player

Ma allora, se ormai Flash è destinato ad essere abbandonato, perché aggiornarlo? Prima di tutto, perché deve ancora passare del tempo prima che arrivi il giorno in cui si potrà farne a meno, e oggi ancora un 6% di siti lo richiede per una corretta visualizzazione. Inoltre, a meno di non averlo eliminato volontariamente, è assai probabile che Flash Player sia presente sul proprio browser. Non aggiornandolo, il rischio è quello di esporsi a potenziali attacchi ai propri dati sensibili o mettere a rischio il PC.

Come si aggiorna Adobe Flash Player

Stabilito che un aggiornamento periodico di Flash Player è, più che consigliabile, quasi obbligatorio ancora per qualche anno, vediamo le modalità per farlo. Chi ha un PC ragionevolmente recente ha con tutta probabilità una funzionalità di aggiornamento automatico di Flash Player già attiva. Per cui, accendendo il PC o il Mac, dovrebbe spuntare il famoso pop-up che ci consiglia di eseguire l’aggiornamento. Inutile rinviarlo a chissà quando: meglio cogliere l’occasione e farlo subito. E se non si è sicuri di avere un Flash Player aggiornato, basta controllare.

Avere la versione più recente di Flash Player con l’aggiornamento automatico è semplicissimo, basta cliccare “installa”, mettere il consueto segno di spunta su “ho letto e accetto le condizioni del contratto di licenza di Flash Player” e ancora “installa”. Se avete un browser aperto, ve lo farà chiudere, altrimenti l’aggiornamento potrebbe non andare a buon fine.

Non sempre, però, l’aggiornamento automatico garantisce i risultati sperati, e capita di passare interi mesi senza che ci venga segnalato un aggiornamento (e in genere, questo è abbastanza strano). Se si ha un dubbio basta cercare il numero di versione del Flash Player sul nostro computer e confrontarlo sull’ultima disponibile sul sito Adobe; direttamente da questa pagina, in caso sia necessario, è possibile richiedere l’aggiornamento.

Installare Adobe Flash Player da zero

Lo temiamo sempre un po’, ma è possibile che l’aggiornamento non vada a buon fine, e che un messaggio ci informi l’impossibilità di usufruire del software. In questo caso, è possibile scegliere l’installazione da zero di Adobe Flash Player. Se qualcosa non funzionerà nemmeno dopo questa operazione, è molto probabile che il problema sia altrove: un test velocità ADSL è una delle prime cose da fare, in modo da sapere se ci sono problemi e quale operatore ha Internet più veloce nella propria zone.

La prima cosa da fare è disinstallare la vecchia versione di Flash Player.  Mai tentare di cancellare da soli i file che sembrano collegati a questo programma: è necessario invece usare l’uninstaller apposito. Sempre sul sito Adobe si può trovare questo programma, da scaricare in versione da 32 bit o da 64 bit a seconda della versione del sistema operativo in uso. Una volta scaricato questo piccolo programma sarà facile eliminare in automatico e senza “avanzi” ogni file legato a Flash, e a questo punto basterà tornare sulla pagina del sito Adobe di cui sopra per procedere alla reinstallazione.

Problemi per l’aggiornamento di Adobe Flash Player

Alcuni piccoli problemi che si possono presentare durante l’aggiornamento sono in realtà facilmente risolvibili. Ad esempio, può capitare che dopo il download non si avvii in automatico il file per aggiornare il programma: in questo caso basta ricercarlo nella propria cartella download (quella dove vengono abitualmente scaricati tutti i file salvati dal browser) e farlo partire.

Altre difficoltà possono essere legate non tanto a Flash Player in sé, quanto al browser dove si sta cercando di installarlo. Molti, infatti, usano ancora versioni decisamente obsolete dei programmi per la navigazione web, in particolare per quanto riguarda Internet Explorer: può darsi che Flash dia dei problemi con questi programmi, per cui è bene aggiornarli all’ultima versione.

Se i problemi continuano a verificarsi e non si riesce a visualizzare un sito, la prima cosa da fare è controllare se la stessa pagina viene vista correttamente utilizzando un altro browser. Se in questo caso è tutto ok, allora potrebbe bastare cancellare la cronologia e i cookies dal primo browser e riprovare ad aggiornare.

Commenti Facebook: