AGCOM ricorda: se l’operatore cambia il contratto puoi recedere gratis

Per tutelare al massimo gli utenti, l’AGCOM ha ribadito, in queste ore, un aspetto fondamentale della struttura del mercato di telefonia mobile. Nel caso in cui l’operatore decida di modificare unilateralmente il contratto, l’utente potrà recedere senza pagare alcuna penale. Ecco i dettagli di quanto ribadito oggi dall’autorità per le garanzie delle comunicazioni. 

AGCOM ribadisce un concetto fondamentale del mercato di telefonia

In un contesto in cui gli operatori di telefonia mobile, in tantissimi casi, vanno a modificare unilateralmente le condizioni contrattuali, l’AGCOM ha ricordato a tutti gli utenti un concetto fondamentale. 

In caso di modifiche contrattuali da parte degli operatori, infatti, gli utenti non subiranno alcun tipo di penale se decideranno di cambiare operatore. A conti fatti, gli utenti sono soggetti ad un unico obbligo ovvero concludere il saldo di un dispositivo acquistato a rate con l’operatore stesso che era stato abbinato alla propria tariffa telefonica.
Scopri le migliori tariffe per il tuo smartphone

L’AGCOM ha sottolineato ancora una volta l’assenza di costi per gli utenti in caso di recesso dovuto a modifiche contrattuali da parte degli operatori a causa delle nuove condizioni del mercato. Gli operatori, infatti, hanno modificato unilateralmente i piani tariffari passando dal mese tradizionale a 28 giorni. Tale scelta non riguarda solo il mondo della telefonia mobile ma anche la telefonia fissa. A tal proposito, l’AGCOM ha evidenziato come le tariffe da 28 giorni non siano ammissibili per i contratti del fisso, per l’ADSL e la fibra ottica. 
Confronta le offerte ADSL e fibra ottica

Nel caso delle linee fisse, infatti, il periodo di rinnovo delle offerte deve essere per forza su base mensile. Gli operatori impegnati nel settore devono riallinearsi a questa periodicità di rinnovo entro 90 giorni. In questo caso sarà necessario verificare se gli operatori seguiranno le direttive dell’autorità. Ricordiamo che il passaggio dal mese tradizionale ai 28 giorni implica un incremento dei costi per gli utenti che, nel corso di un anno solare, andranno a pagare quasi un rinnovo in più rispetto al passato.

In ogni caso, il concetto importante, ribadito ancora una volta oggi dall’AGCOM, è rappresentato dalla possibilità per gli utenti di poter recedere gratis quando l’operatore effettua modifiche unilaterali dei contratti.

Commenti Facebook: