AEEG, al via l’adesione volontaria alla nuova tariffa D1 per risparmiare

E’ stata avviata su tutto il territorio nazionale la sperimentazione tariffaria rivolta ad aumentare l’efficienza energetica e destinata a tutti i possessori di impianti di climatizzazione a pompa di calore, tanto sul mercato libero come sul regime a maggior tutela. L’adesione è volontaria e per partecipare basta farne richiesta al venditore di energia elettrica, soddisfacendo però alcuni requisiti. Ecco come aderire alla nuova tariffa D1 per risparmiare il 32% della bolletta luce.

tariffa d1, nuova tariffa luce per risparmio
Nuova tariffa D1 offre un risparmio del 32% in bolletta luce

Nell’ambito del procedimento 204/2013, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha avviato una sperimentazione tariffaria su scala nazionale, destinata a rimuovere gli ostacoli all’efficienza energetica derivanti dall’esistente struttura progressiva dei corrispettivi tariffari della fornitura di energia elettrica, in presenza di dispositivi efficienti quali le pompe di calore.

Come aderire alla sperimentazione della tariffa D1?

L’adesione alla sperimentazione tariffaria è volontaria e per partecipare bisogna fare esplicita richiesta a un venditore di energia elettrica, purché siano soddisfatto i seguenti requisiti:

  1. siano dotati di misuratore elettronico telegestito installato e in servizio;
  2. utilizzino nella propria abitazione di residenza anagrafica un sistema di riscaldamento unico a pompa di calore;
  3. consentano l’effettuazione di verifiche e controlli anche presso la propria abitazione;
  4. siano controparti di un contratto di vendita di energia elettrica con un venditore aderente.

Tra il 1 luglio 2014 e il 31 dicembre 2015 ogni cliente, che soddisfi questi requisiti e che intenda aderire alla sperimentazione tariffaria, presenterà a un venditore aderente una richiesta, redatta secondo apposita modulistica, i cui fac-simile verranno pubblicati con determinazione del Direttore della Direzione Infrastrutture entro il 20 maggio 2014.

I venditori del mercato libero valuteranno se offrire ai propri clienti la possibilità di aderire alla sperimentazione o meno, mentre è un obbligo per tutti i venditori del servizio di maggior tutela.

Per ulteriori approfondimenti, consigliamo di scaricare la Delibera 205/14.

Quanto risparmio con la tariffa D1?

La tariffa D1 consentirà di ridurre i costi in bolletta, dato che si tratta di una tariffa elettrica lineare e costante a prescindere dai consumi e quindi svincolata dal sistema tariffario a fasce che prevede prezzi crescenti in base al volume dell’energia consumata.

Detto in un’altra maniera, la tariffa D1 rispecchierà i reali costi dei servizi di rete – trasporto, distribuzione e gestione del contatore – comportando un beneficio economico agli utenti domestici che utilizzano esclusivamente pompe di calore per il riscaldamento.

Per maggiori informazioni, rimandiamo al nostro articolo Pompe di calore: come tagliare la bolletta con la nuova tariffa elettrica D1.

Risparmio per tutti gli utenti con il mercato libero

Se non avete una pompa di calore per il riscaldamento ma volete risparmiare sulla bolletta della luce, vi ricordiamo che con le offerte del mercato libero è possibile tagliare i costi del 6-7%.

In effetti, i prezzi del mercato libero sono più bassi rispetto al servizio a maggior tutela, grazie alla maggior concorrenza. Il passaggio è gratuito, non occorrono modifiche all’impianto o al contatore e la continuità del servizio è garantita dall’Autorità.

Per identificare l’offerta più conveniente secondo il vostro profilo, rimandiamo al nostro comparatore gratuito ed indipendente di tariffe luce.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: