ADSL, fibra e altre tecnologie: come scegliere la giusta modalità per connettersi

Come gli studi più recenti continuano impietosamente  a dimostrare, il digital divide in Italia rimane un problema cruciale e di difficile risoluzione, ma che va affrontato al più presto. Il ritardo nello sviluppo della banda ultralarga nei confronti del resto d’Europa rischia di azzoppare la ripresa ancora prima che inizi davvero. Negli ultimi tempi va detto che qualcosa sta cominciando a cambiare, con investimenti importanti nelle nuove tecnologie, come accade con Vodafone, Telecom o Fastweb.

ADSL e fibra
Tutti i consigli per risparmiare e connettersi al meglio, anche con le nuove offerte convergenti

Le diverse tecnologie a confronto: pregi e difetti

Le tecnologie di connessione più diffuse per non perdersi nulla dei contenuti di Internet, sempre più “avidi” di banda – si pensi alla telepresenza o allo streaming video in alta definizione – sono parecchie, ognuna con i suoi pro e i suoi contro.

Va da sé che le prime due discriminanti per scegliere l’offerta migliore sono la velocità e il costo. Importante anche la latenza, ovvero la “reattività” della linea. In quanto a velocità, la fibra ottica ha oggi pochi rivali: Vodafone ad esempio permette di arrivare, per ora a Milano e a Bologna, alla velocità di 300 Mbps in download, la connessione più veloce d’Italia.

Di contro, l’ADSL arriva fino a 20 Mbps, con un canone mensile solitamente (ma non sempre) inferiore. A fronte di velocità minori e una latenza leggermente superiore, l’ADSL ha una copertura molto più ampia rispetto alla fibra ottica, anche se quest’ultima si sta diffondendo in tutto il Paese grazie agli ingenti investimenti degli operatori e di finanziamenti come quelli dei fondi europei.

Le altre tecnologie più diffuse sono il wireless mobile e Internet satellitare. Il wireless mobile permette di arrivare fino a 20 Mbps (o più, grazie al 4G) e consente di connettersi anche quando ci si trova fuori casa a velocità paragonabili alla connessione casalinga, sempre che si sia sotto copertura (ad esempio con la SIM dati Vodafone offerta con le offerte ADSL e fibra); il satellitare, dal canto suo, è l’unico a permettere una copertura davvero al 100% della penisola, anche in località remote che non sono raggiunte da altri servizi. L’altra faccia della medaglia è una latenza maggiore e, come del resto per il wireless mobile, la presenza di limiti mensili di gigabyte.
Confronta migliori offerte ADSL e fibra

Le più diffuse ADSL e fibra

Tre la offerte in fibra ottica più diffuse in Italia ci sono quelle di Telecom Italia, di Vodafone, di Fastweb, ognuna con la sua copertura e il suo costo mensile, mentre per l’ADSL ci sono anche Tiscali e Infostrada (quest’ultima offre anche la fibra ottica a Milano).

Le offerte ADSL e fibra di Telecom Italia partono da 19 euro al mese per un anno, con Tutto (poi 44,90 €) e comprendono ADSL a 7 Mega e chiamate verso fissi e cellulari nazionali. L’offerta fibra, Tuttofibra, costa 39 euro al mese per 6 mesi (poi 54,90 € al mese) e garantisce una velocità fino a 30 Mega in download, oltre alle chiamate.

Oggi la fibra ottica di Vodafone è diffusa in 84 città e le sue soluzioni partono da 25 euro al mese per 12 mesi; come detto, a Milano e Bologna c’è la connessione più veloce d’Italia, a 300 Mbps. Fino a 100 Mbps ci sono Cinisello Balsamo, Imola, Novara, Sesto San Giovanni, Settimo Torinese, Treviso, mentre le altre località arrivano a 30 Mbps. Le tariffe ADSL partono invece da 20 euro al mese per chi è già cliente mobile. Le offerte ADSL e fibra di Vodafone permettono di avere Internet illimitato, chiamate verso fissi e mobili nazionali comprese o con scatto alla risposta e una SIM con 1 GB di Internet 4G per navigare fuori casa.

Le offerte ADSL e fibra di Fastweb sono SuperJet, Jet e Joy, rispettivamente a 29 euro al mese per 12 mesi, 25 euro al mese per 12 mesi e 19 euro al mese per 6 mesi; in più è possibile stipulare il contratto Homepack che comprende anche la televisione di Sky.

Completano il panorama delle offerte più diffuse Absolute ADSL (da 26,95 euro al mese, ADSL da 20 Mbps con chiamate a 0 cent/minuto) e All Inclusive Unlimited (da 29,95 euro al mese, con chiamate verso fissi e mobili illimitate), entrambe di Infostrada, e le offerte di Tiscali, Tutto Incluso Light (17,95 euro al mese per due anni) e Tutto Incluso Full (29,95 euro al mese per sempre).

Lo sviluppo delle reti

Come si è già detto, gli investimenti per diminuire il digital divide e colmare il gap con il resto d’Europa (per non parlare degli Stati Uniti) sono ora in cima ai progetti  degli operatori e del Governo, che con l’Agenda digitale ha messo sul piatto 10 miliardi di euro per la banda larga e le smart cities.

Pochi giorni fa è stato approvato il piano strategico di Telecom Italia per il triennio 2015/2017: l’operatore intende coprire il 75% della popolazione con la fibra ottica, grazie a un investimento di circa 3 miliardi (1,1 miliardo in più rispetto al precedente).

Vodafone, dal canto suo, sta procedendo secondo il piano Spring, aggiungendo 1,8 miliardi di euro ai 900 milioni di euro investiti ogni anno per estendere la copertura di rete fissa e mobile, migliorandone la qualità su tutto il territorio nazionale e introducendo servizi innovativi per i clienti. In totale 3,6 miliardi di euro nei prossimi due anni. Il piano biennale dell’operatore prevede la copertura delle 150 principali città italiane per un totale di 6,4 milioni di famiglie e imprese italiane, un quarto della popolazione.

I progetti di Fastweb prevedono di innalzare la velocità della banda larga fino ad arrivare nei prossimi anni a 500 Mbps, e intanto raggiungere con almeno 100 Mbps 7,5 milioni di famiglie e imprese, il 30% della popolazione.

Offerte particolari, dalla televisione al mobile

Intanto il mercato si evolve, mettendo a punto nuove formule come le offerte convergenti mobile + fisso, per risparmiare e avere un solo operatore di riferimento. Si è già parlato del pacchetto Homepack che consente di avere sia la televisione di Sky che la connessione di Fastweb, ma quella del cosiddetto quadruple play, con un occhio di riguardo alla pay tv, è una strategia seguita da molti operatori, ad esempio Vodafone con Scegli Entertainment (e quindi Infinity) e Telecom con TIMvision e gli accordi con Sky dal prossimo aprile.

In particolare Vodafone offre sconti per chi è già cliente mobile per attivare l’ADSL.
Scopri Super ADSL di Vodafone
Infatti, Super ADSL costa 25 euro al mese per 12 mesi (poi 29 euro) per i non clienti, ma per chi è già cliente mobile (abbonamento o ricaricabile, con attivo un pacchetto Tutti, Tutti+, Special, Smart, Smart+, Square, Unlimited, One Cent, Open, Scegli Tu) il canone diventa di 20 euro al mese. Super ADSL Family invece costa 30 euro al mese per 12 mesi (poi 37 euro) per i non clienti e 25 euro al mese per i già clienti.

Per quanto riguarda infine la fibra, Super Fibra costa 25 euro al mese per 12 mesi (poi 29 euro) per i non clienti e 20 euro al mese per i già clienti, mentre il canone di Super Fibra Family è di 30 euro per 12 mesi (poi 37 euro) per i non clienti e 25 euro al mese per chi ha un abbonamento o una ricaricabile Vodafone.

Commenti Facebook: