Addizionali Irpef, 260 comuni applicano l’aliquota massima. Ecco quali sono

Dopo la recente abolizione dell’Imu, sono necessarie alcune nuove misure per riempire le casse vuote dei municipi. Così, come previsto, adesso gli italiani dovranno far fronte a una nuova stangata: l‘aumento delle tasse locali per l’applicazione degli addizionali Irpef. Di quanto aumentano? Dipende da ogni municipio, visto che sulle aliquote fisse l’amministrazione può decidere di aggiungere gli addizionali. Ecco la tabella dei comuni che aumentano le tasse con gli addizionali Irpef.

Aumentano le tasse in Italia
Addizionali Irpef: in quali comuni aumentano le tasse?

Come previsto, dopo l’abolizione Imu i Comuni – in attesa dalla compensazione promessa dal Governo e dell’integrazione dei fondi di solidarietà – si preparano per aumentare le tasse locali, applicando gli addizionali Irpef alle aliquote fisse.

Viste le casse vuote dei municipi italiani, Piero Fassino, sindaco di Torino e Presidente dell’Anci – l’associazione nazionale comuni italiani -, ha sollecitato il governo per la creazione del tavolo negoziale prima della chiusura dei bilanci. Entro il 30 novembre prossimo la situazione dovrebbe definirsi meglio, ma nel frattempo molti Comuni italiani hanno già determinato le aliquote addizionali da applicare a partire dal 2014.

Fassino inoltre ha voluto “ricordare l’impegno assunto dal governo in ordine al ristoro delle risorse mancanti dal gettito Imu 2012“.

Addizionale Irpef: in quali Comuni?

Finora, sono 1.989 su un totale di 8.096 i Municipi italiani che adotteranno l’addizionale Irpef per compensare il mancato gettito dopo l’abolizione dell’Imu.

Sono 267 quelli che hanno deciso di adottare l’aliquota massima, pari allo 0,8%, senza esenzioni né aliquote scaglionate a seconda del reddito. Altri 164 Comuni applicheranno l’aliquota massima ma prevedendo anche alcune esenzioni a seconda del reddito.

Di seguito, vi presentiamo una tabella riassuntiva con i Comuni che hanno già deciso l’aliquota da applicare (Fonte: Corriere della Sera):

Aumento tasse: come risparmiare

Con l’aumento delle tasse, bisogna trovare il modo di risparmiare sulle bollette di casa. A questo scopo, SosTariffe.it mette a disposizione una serie di comparatori gratuiti ed indipendenti di tariffe energia elettrica, gas, ADSL, telefonia mobile, conti correnti, ecc.

Ad esempio, una famiglia numerosa con consumi elettrici piuttosto elevati può risparmiare circa 100 euro all’anno sulla bolletta della luce con E-Light di Enel Energia, oppure 205 euro attivando E-Light Gas di Enel, solo per menzionare due esempi.

Scopri E-Light Luce

Oppure attivando un’offerta ADSL + Telefono Fisso è possibile risparmiare, visto che con molte promozioni si evita di pagare il canone Telecom e si può avere navigazione Internet illimitata, chiamate gratuite verso i fissi (anche senza scatto alla risposta) e una certa quantità di minuti al mese per chiamare i numeri mobili, nonché navigazione anche in mobilità.

Confronta Offerte ADSL + Telefono

Seguendo questi consigli e attivando una tariffa conveniente, una famiglia potrebbe risparmiare circa 1.200 euro (leggi anche il nostro articolo Risparmiare 1200 euro? Ecco come farlo tagliando le bollette).

Visita il nostro portale e mette a confronto gratuitamente le tariffe che ti interessano: potrai identificare facilmente le migliori offerte per te.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: