Ad aprile alleanza Sky – Telecom per la pay tv su fibra ottica

Telecom ha stretto un rapporto importante con Sky per poter lanciare a partire dal mese di aprile una nuova piattaforma televisiva che sarà visibile attraverso il supporto della fibra ottica. Questo progetto metterà a disposizione degli abbonati alla pay tv un nuovo set – box che permetterà di visionare Tim Vision e i servizi video online di altri operatori.

Sky e Telecom Italia hanno stretto un'allenza per realizzare la tv su fibra ottica

Lo sviluppo della fibra ottica sta ormai diventando sempre più una realtà in Italia grazie agli investimenti che i vari operatori si sono detti pronti a realizzare ed è proprio grazie a questo che potrà essere presto fruibile una pay tv via internet. Tutto questo potrà essere reso possibile grazie all’alleanza siglata già lo scorso anno da Telecom Italia e Sky che si affianca al rinnovo dell’offerta convergente di Tim Vision.

Si tratta di un progetto di cui si parla da tempo che Marco Tronchetti Provera, quando era patron di Telecom, aveva provato a portare avanti nel 2006, ma già da allora si erano capite le potenzialità e che sarebbe stato solo questione di tempo. La banda ultralarga, ossia la rete in fibra ottica, infatti, può svilupparsi e trovare nuovi clienti solo se ha contenuti interessanti ed è proprio questo che ha spinto la società telefonica ad allearsi con l’azienda di Murdoch.

La pay tv, infatti, può essere vista senza la parabola, ma non senza decoder; proprio per questo l’emittente di Murdoch metterà a disposizione un nuovo decoder MySky Hd, realizzato appositamente per la tv via internet. A produrre il nuovo set box è stata Sky e questo rappresenterà certamente un punto a favore della tv satellitare, perché sarà più difficile estendere l’offerta ad altri operatori come Mediaset.

Una novità a disposizione ancora di pochi

Per fare in modo che la tv su fibra ottica possa essere visibile da un numero crescente di persone è ovviamente indispensabile migliorare la presenza della banda larga sul territorio della nostra Penisola in modo tale che anche i contenuti possano diventare più interessanti. Attualmente, infatti, solo il 10% degli italiani possono usufruire di una connessione ad almeno 30 Mb, mentre l’obiettivo fissato dall’agenda digitale è quello di portare tutte le connessioni in Europa a 30 Mb di velocità entro il 2020.

A facilitare la diffusione del servizio contribuiranno offerte allettanti per il mercato: ci sarà così la possibilità di dare all’utente in combinata la visione di contenuti con la connessione in fibra (verrà proposta quasi certamente anche l’opzione per chi ha un abbonamento ADSL, a breve basteranno 7Mb per vedere la tv Sky). Attualmente, infatti, la fibra ottica risulta essere ancora poco diffusa non solo per un problema di infrastrutture, ma anche a causa di un prezzo ritenuto ancora troppo elevato.

I dettagli dell’accordo

L’obiettivo è davvero ambizioso: Telecom punta alle famiglie che sono dotate della banda larga, circa sette milioni, che possono essere interessate a questa nuova forma di televisione, tenendo presente che un milione di queste famiglie non ha la possibilità di installare la parabola.

L’accordo non prevede esclusività da nessuna delle due parti, ma offrirà agli utenti gli stessi contenuti di Sky con funzioni come on demand e interattività fornite in modo integrato e non opzionali come nel caso della tv satellitare.
Confronta offerte ADSL con Tv

Commenti Facebook: