di

Accordo Edison e consumatori, come funziona la conciliazione?

Se siete clienti Edison Energia, titolari di un contratto luce e/o gas, e dovessero insorgere criticità, grazie all'accordo fra Edison e le Associazioni dei Consumatori aderenti, eventuali controversie potranno essere risolte senza rivolgersi al giudice in modo semplice, veloce e assolutamente gratuito con la Conciliazione, un servizio attivo in tutta Italia. Ecco come funziona la conciliazione Edison Energia.

Accordo Edison e consumatori, come funziona la conciliazione?

Cos’è la conciliazione energia?

La Conciliazione è una procedura di risoluzione paritetica delle controversie basata sull’adesione volontaria delle parti senza dover necessariamente ricorrere ad un Giudice o ad un Arbitro

Il Servizio conciliazione clienti energia è stato introdotto dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas (AEEG), con l’obiettivo di mettere a disposizione dei consumatori una procedura facile e tempestiva di risoluzione di eventuali controversie con i venditori luce o gas. Il servizio include l’intervento di un conciliatore ad-hoc che si occupa di aiutare le parti a raggiungere un accordo senza ricorrere a vie giudiziarie.

Il Servizio conciliazione clienti energia è volontario, completamente gratuito e si svolge online, in conformità con la normativa europea sull’energia elettrica e il gas e sulla risoluzione alternativa della controversie (ADR).

Tra i diversi strumenti alternativi per risolvere le controversie nei settori luce e gas, si trovano le Conciliazioni paritetiche, stabilite sulla base di accordi siglati tra le compagnie e Associazioni dei consumatori o di piccole e medie imprese.

Altri metodi di risoluzione delle controversie sono le procedure di mediazione, istituite ai sensi del dlgs 28 del 2010 e non concepite specificamente per i settori dell’energia, che si attivano presso le Camere di Commercio o altri Organismi di mediazione.

L’AEEG ha reso disponibile un elenco di procedure di conciliazione per i settori luce e gas. L’iscrizione è volontaria e l’operatore che aderisce, indicando il Servizio conciliazione dell’Autorità, si impegna a partecipare alla procedura per 24 mesi.

Gli operatori non iscritti o iscritti senza indicare il Servizio, decideranno volta per volta se partecipare alla procedura o meno.

E’ possibile consultare l’elenco di distributori e venditori che aderiscono alle procedure di conciliazione direttamente sul sito ufficiale dell’AEEG.

Per approfondimenti, consigliamo al lettore di contattare lo Sportello per il consumatore energia al numero verde 800.166.654.

Conciliazione luce e gas con Edison Energia

Edison Energia ha firmato un accordo con le Associazioni dei Consumatori aderenti, attraverso il quale eventuali controversie possono essere risolte senza rivolgersi al giudice in modo semplice, veloce e gratuito.

Le associazioni che hanno aderito all’accordo sono: Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Assoutenti, Casa del Consumatore, Centro Tutela Consumatori Utenti – Verbraucherzentrale Südtirol, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori.

In ogni caso, la conciliazione è prevista con la maggior parte delle compagnie fornitrici di luce e gas del mercato libero.

Chi può richiedere la conciliazione?

Possono richiedere la conciliazione i clienti che hanno un contratto di fornitura di energia elettrica o di gas per la casa in essere con Edison o altro fornitore.

La Conciliazione può essere richiesta ad esempio nei seguenti casi:

  • Bollette di importi anomali rispetto alla media dell’anno precedente;
  • Solleciti di pagamento ritenuti ingiustificati;
  • Ritardi nell’emissione dei conguagli;
  • Ritardi nell’attivazione della fornitura.

Prima della conciliazione: la raccomandata

Di fronte ad una situazione di bollette anomale, pagamenti ingiustificati o disservizi da parte del fornitore, la prima cosa che occorre fare è presentare un reclamo tramite raccomandata A/R. Se il reclamo non verrà accolto, oppure la risposta fornita dalla società non è ritenuta soddisfacente, allora si potrà attivare una procedura di conciliazione.

La raccomandata con ricevuta di ritorno è l’unico documento che fa sì che il reclamo abbia valore legale.

I dati da inserire inizialmente sono: nome dell’utente ed indirizzo servito della fornitura, nome ed indirizzo del destinatario ed il codice utente che si trova in ogni bolletta della luce e che è associato all’utenza singola.

Il reclamo dovrà essere scritto nel corpo della raccomandata, sottolineando ad esempio gli importi che si ritengono incorretti e se possibile rettificati da un calcolo, specificare se il pagamento è già stato avvenuto o meno e richiedere la restituzione della parte che si ritiene eccedente rispetto al dovuto.

Assicurarsi di inviare, con la raccomandata, le fotocopie delle bollette ricevute da contestare.

Quando ricorrere alla Conciliazione?

Se la compagnia riconosce l’errore, dovrà restituire ad esempio l’importo versato in eccesso da parte dell’utente entro i 90 giorni, mediante l’accredito in bolletta, con un assegno circolare, o su conto corrente.

Se il gestore eccede i 90 giorni di tempo, i giorni di ritardo accumulati vengono conteggiati per un risarcimento: se il rimborso avviene tra il 90 esimo e il 180 esimo giorno, l’indennità sarà di 20 euro, si raddoppia se il gestore paga tra il 180 e il 270esimo, nel caso ecceda questa tempistica l’indennità sarà di 60 euro.

Tuttavia, il gestore può non accogliere il rimborso motivando o meno la sua decisione o non rispondere alla raccomandata. Questa seconda possibilità richiede l’intervento dell’Autorità tramite una conciliazione.

Conciliazione energia, come si fa

Nel caso di Edison Energia, è possibile attivare la procedura di conciliazione direttamente dal Cliente oppure tramite una delle Associazioni dei Consumatori che hanno aderito all’accordo, compilando l’apposito modulo.

Il modulo debitamente compilato dovrà essere inviato all’Ufficio Conciliazione:

  • via fax attraverso il Numero Verde 800-135-849
  • via posta elettronica all’indirizzo conciliazione@edison.it

Nel caso Edison non sia il vostro fornitore, potete rivolgervi per segnalazioni o reclami allo Sportello per il consumatori. A questo fine sono disponibile il fax verde 800 185 025 e la mail reclami.sportello@acquirenteunico.it. E’ possibile anche utilizzare la posta ordinaria, scrivendo a:

Sportello per il consumatore di energia c/o Acquirente Unico,
Unità Reclami
Via Guidubaldo Del Monte 45,
00197 Roma.

Per una efficace e veloce gestione delle richieste, l’Autorità consiglia di inviare tutti i dati e la documentazione necessari, in particolare il codice POD (per la fornitura elettrica) o PDR (per la fornitura di gas), così come il reclamo già inviato alla compagnia che fornisce il servizio e la risposta, se ricevuta.

Va sottolineato ancora che la domanda può essere inviata soltanto dopo che il cliente abbia inviato alla compagnia fornitrice un reclamo scritto, e non abbia avuto risposta o non la ritenga soddisfacente.

Infine, nel caso di mancata conciliazione, l’ultima possibilità è denunciare al gestore di giustizia ordinaria. non è richiesta la presenza di avvocati se il valore della causa non supera i 500 euro, citando i gestore presso il Giudice di pace oralmente e personalmente in cancelleria (purché l’importo sia inferiore ai 2500 euro).

Per capire se Edison Energia è la compagnia che meglio si adatta alle proprie esigenze consigliamo l’utilizzo del nostro comparatore gratuito di tariffe luce e gas, che consente di mettere a confronto le migliori offerte sul mercato per individuare facilmente quella che meglio si adatta al proprio profilo.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: