Accensione riscaldamento: come saperlo per ogni Regione

L'accensione del riscaldamento, per quanto riguarda gli impianti centralizzati, segue delle tempistiche ben precise. A determinare le date di accessione degli impianti e gli orari in cui è possibile sfruttare il riscaldamento ci sono precise normative. In particolare, il fattore determinante da tenere in considerazione è quello della "zona climatica" in cui è ubicato il sistema di riscaldamento. Ecco come sapere quando si accendono i riscaldamenti in base alla regione e alla provincia di residenza.

Accensione riscaldamento: come saperlo per ogni Regione

Con l’arrivo dei mesi più freddi dell’anno e con un progressivo abbassamento delle temperature si avvicina il momento di accendere il riscaldamento di casa. Le unità abitative che presentano un sistema di riscaldamento autonomo hanno la possibilità di gestire con maggiore libertà tale sistema anche se dovranno provvedere ad effettuare i vari interventi di manutenzione in vista della riapertura dell’impianto dopo i mesi primaverili e estivi.

Chi utilizza un sistema di riscaldamento centralizzato, invece, deve seguire una precisa normativa. Gli impianti di riscaldamento di tipo centralizzato, infatti, possono essere attivati esclusivamente rispettando delle date di accensione ben precise. Allo stesso modo, tali impianti dovranno essere spenti entro una certa data. Un altro elemento da considerare è il numero di ore in cui gli impianti possono essere attivi durante un giorno.

Tutti questi fattori vengono influenzati dalla zona climatica. La normativa vigente suddivide il territorio italiano in sette zone climatiche (A, B, C, D, E e F). Per ogni zona sono previste precise date di accensione e spegnimento dei riscaldamenti centralizzati ed un ben preciso numero di ore in cui l’impianto può essere accesso nel corso della giornata. Di conseguenza, in base al comune dove è ubicata la fornitura sarà possibile conoscere la zona climatica e quindi tutti i dettagli sull’accensione del riscaldamento centralizzato.

Accensione del riscaldamento: ecco le date e gli orari per ogni zona climatica

La tabella qui di seguito riassume quanto previsto dalla normativa in merito alle date di accensione dei riscaldamenti centralizzati. Vengono, inoltre, riportate le date di spegnimento e il numero di ore in cui gli impianti possono essere attivi. Basterà, quindi, individuare la provincia dove è ubicata la fornitura per sapere immediatamente le date di accensione e spegnimento del riscaldamento e il numero di ore in cui può essere attivo nel corso del giorno. Ecco tutti i dettagli:

Zona climatica Province Periodo di accensione del riscaldamento Orario
A comuni di Lampedusa e Linosa, Porto Empedocle Dal 1° dicembre al 15 marzo 6 ore al giorno
B Agrigento, Catania, Messina, Palermo, Siracusa, Trapani, Reggio Calabria e Crotone Dal 1° dicembre al 31 marzo 8 ore al giorno
C Imperia, Latina, Bari, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Lecce, Napoli, Oristano, Ragusa, Salerno, Sassari, Taranto Dal 15 novembre al 31 marzo 10 ore al giorno
D Genova, La Spezia, Savona, Forlì, Ancona, Ascoli Piceno, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Macerata, Massa Carrara, Pesaro, Pisa, Pistoia, Prato, Roma, Siena, Terni, Viterbo, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Foggia, Isernia, Matera, Nuoro, Pescara, Teramo, Vibo Valentia Dal 1° novembre al 15 aprile 10 ore al giorno
E Alessandria, Aosta, Asti, Bergamo, Biella, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Novara, Padova, Pavia, Sondrio, Torino, Varese, Verbania, Vercelli, Bologna, Bolzano, Ferrara, Gorizia, Modena, Parma, Piacenza, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Rovigo, Treviso, Trieste, Udine, Venezia, Verona, Vicenza, Arezzo, Perugia, Frosinone, Rieti, Campobasso, Enna, L’Aquila, Potenza Dal 15 ottobre al 15 aprile 14 ore al giorno
F Cuneo, Belluno e Trento Nessun limite Nessun limite

Riscaldamento autonomo: tutto quello che c’è da sapere su utilizzo e risparmio

Gli impianti di riscaldamento autonomo non devono seguire le indicazioni previste dalla normativa per il riscaldamento centralizzato. A guidare l’utilizzo del riscaldamento autonomo è il buon senso degli utenti. Le linee guida per gli impianti centralizzati possono, quindi, rappresentare delle ottime indicazioni per quanto riguarda sia le date di accensione e spegnimento degli impianti che per il numero di ore di utilizzo nel corso del giorno.

Gli impianti di riscaldamento autonomo devono comunque seguire precise normative a partire dalla necessità di effettuare periodici interventi di manutenzione della caldaia, al fine di assicurare il corretto funzionamento. Bisogna, inoltre, provvedere all’installazione di cronotermostati e di valvole termostatiche per massimizzare l’efficacia del riscaldamento ed evitare sprechi di energia. Per gli impianti più datati, inoltre, è utile effettuare un aggiornamento della caldaia puntando su di un modello ad alta efficienza.

Per risparmiare sui costi legati all’utilizzo del riscaldamento autonomo è possibile seguire varie opzioni:

  • ridurre al minimo l’utilizzo del riscaldamento, evitando gli sprechi
  • puntare sull’efficienza di funzionamento dell’impianto, acquistando una caldaia ad alta efficienza e massimizzando l’isolamento termico dell’abitazione
  • ridurre al minimo il costo del gas naturale (nel caso in cui si utilizzi una caldaia a gas)

Per minimizzare il costo del gas, la strada migliore è rappresentata dalle migliori offerte del mercato libero dell’energia. Grazie al comparatore di SOStariffe.it per offerte gas oppure all’App di SOStariffe.it, disponibile su Android e iOS, è possibile individuare le migliori soluzioni da attivare per minimizzare i costi.

Per individuare le migliori offerte basta inserire nel comparatore:

  • una stima del consumo annuale (il dato è disponibile in bolletta oppure può essere calcolato tramite l’apposito tool del comparatore)
  • l’ubicazione della fornitura (basta indicare il comune) per individuare la zona climatica

Scopri le migliori offerte gas del mercato libero »

Le migliori tariffe del mercato libero garantiscono un notevole risparmio rispetto al mercato tutelato. Un cliente tipo (consumo annuo di 1400 Smc con una fornitura attiva a Milano) registrerà una spesa annuale di 953 Euro nel mercato tutelato. Passando alle migliori offerte disponibili con la comparazione online sarà possibile risparmiare:

  • fino a 171 Euro all’anno scegliendo un’offerta a prezzo variabile (in base alle variazioni mensili del mercato all’ingrosso)
  • fino a 102 Euro all’anno scegliendo un’offerta a prezzo fisso (per 12 mesi)

Il risparmio indicato è stato calcolato considerando le migliori tariffe del mercato libero disponibili ad ottobre ed i prezzi, stabiliti da ARERA, del gas per i clienti del mercato tutelato. I prezzi del mercato tutelato vengono aggiornati ogni tre mesi. Il prossimo aggiornamento arriverà a gennaio 2021.

Commenti Facebook: