A novembre sofferenze bancarie +18,4%, prestiti in calo del 2,1%

Sempre più difficile recuperare i crediti nel nostro Paese. Secondo gli ultimi dati a novembre i crediti in sofferenza erogati dalle banche hanno registrato un aumento su base annua del 18,4%. Si tratta principalmente di finanziamenti elargiti ad imprese con difficoltà.

Sofferenze bancarie in aumento, prestiti in diminuzione a novembre
Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Va comunque meglio rispetto al mese precedente, quando l’aumento si attestava al 19,1%, ma il problema resta e richiede un pronto intervento da parte del Governo e della Banca d’Italia sull’erogazione del credito.

I prestiti, sempre nello stesso periodo, hanno subito una contrazione dell’1,6%. Si tratta comunque di un miglioramento rispetto a ottobre, quando il calo è stato del 2,1%.

In particolare, i prestiti alle famiglie sono scesi dello 0,5%, contro il -0,6% di ottobre, mentre i finanziamenti alle imprese sono diminuiti del 2,6% contro il -3,1% di ottobre.
Confronta i migliori prestiti online
Il tasso di interesse medio sui prestiti alle famiglie, comprensivo di spese, è stato del 3,19%, leggermente superiore rispetto ad ottobre 2014, quando si attestava a 3,18%.

Per quanto riguarda i prestiti erogati alle imprese, il tasso medio per finanziamenti superiori a un milione di euro era dell’1,98%, contro il 2,05% di ottobre.

Per prestiti inferiori al milione, invece, a novembre il tasso era del 3,38%, in diminuzione rispetto al mese precedente, in cui si attestava al 3,54%.

I depositi su base annua nel settore privato sono cresciuta del 3,5%, con un miglioramento rispetto ad ottobre (2,3%). La raccolta obbligazionaria, invece, è diminuita del 17,4% su base annua (nel mese precedente la contrazione era stata del 17,5%).

Commenti Facebook: