80euro di Renzi: altri possibili beneficiari del bonus

Sin dal 27 maggio milioni di cittadini in Italia hanno ricevuto in busta paga i famosi 80 euro, sotto una nuova voce, denominata “credito d’imposta” o semplicemente “bonus”. Adesso il Senato sta analizzando la possibilità di alzare il tetto di reddito dei 26 mila euro nel caso delle famiglie con almeno tre figli. In analisi anche il bonus 80 euro per pensionati ed altre categorie di beneficiari.

bonus 80euro, chi può richiederlo
Si allarga la platea di beneficiari del bonus 80 euro? Tutte le novità

Il bonus di 80 euro è già nel cedolino dello stipendio di milioni di italiani. In realtà, dovrebbero essere 80,98 euro, se il datore di lavoro, secondo le istruzioni delle Entrate, sceglierà di ripartire l’importo annuale di 640 euro sulla base dei giorni del mese (che a maggio sono 31).

Adesso il Senato, mentre esamina il decreto legge su Irpef e revisione della spesa, potrebbe aggiungere altri beneficiari del bonus, alzando la soglia di reddito dei 26 mila euro nel caso delle famiglie con almeno tre figli.

L’idea è quella di porre rimedio all’attuale paradosso del cosiddetto Bonus Renzi, nel quale una famiglia in cui entrambi i genitori lavorano e guadagnano 24 mila euro ognuno porta a casa due bonus, mentre una famiglia monoreddito con figli e retribuzione di 26 mila non riceve nulla. La soluzione del Governo sarebbe aumentare l’attuale tetto di 26 mila limitatamente a questa tipologia familiare.

L’intervento sarebbe sostenibile purché limitato ai nuclei con tre figli (con soglia a 40-50 mila euro), per i quali serviranno circa 50 milioni di euro, allargando la platea dei beneficiari con altri 80 mila contribuenti. La decisione finale sarà annunciata al termine della revisione del decreto in questione.

D’altronde, settimana scorsa Renzi aveva assicurato che il bonus verrebbe concesso a partire dal 2015 anche ai pensionati, a partite Iva e incapienti. Tuttavia, vogliamo sottolineare che per queste operazioni ci sono ancora dubbi sulle coperture, e perciò bisognerà attendere ancora.

Se ritenete che 80 euro siano pochi per affrontare gli attuali rincari e le spese domestiche, vi ricordiamo che cambiando fornitore luce, gas, ADSL e telefono è possibile risparmiare cifre molto più consistenti (240 euro/anno soltanto passando al mercato libero della luce e il gas, ad esempio).

Per maggiori informazioni, utilizzate i nostri comparatori gratuiti ed indipendenti.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: