68 milioni di euro per la banda larga in nove regioni con la manovra del Governo

Com’era stato già annunciato, la manovra del Governo Monti, giunta ormai alla fase 2, prevede tra le varie cose anche dei finanziamenti che serviranno a realizzare  delle nuove infrastrutture destinate alla banda larga. Si tratta di un budget da 68 milioni di euro che coprirà ben nove regioni italiane.

Con questa misura, quindi, Basilicata, Campania, Lazio, Marche, Molise, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto potranno avere dei fondi da destinare alla costruzione di nuove infrastrutture basate sulla fibra ottica che copriranno  le zone rurali e non solo, puntando soprattutto sulla diminuzione del digital divide.

Proprio per questo motivo il denaro verrà stanziato in misura differente a seconda della stato in cui le regioni coinvolte si trovano: ad avere più bisogno di infrastrutture è la Sicilia, a cui andranno ben 27 milioni di euro, mentre la Campania avrà 22 milioni di euro del fondo.

Sono già stati aperti i bandi per i lavori che impegneranno circa 700 persone e che necessiteranno di almeno 3 anni prima che gli oltre 2000 km di fibra siano pronti per essere utilizzati dagli abitanti nelle aree interessate. Un primo passo concreto, quindi, verso una rete Internet più moderna, veloce e stabile, in linea con gli obiettivi dell’Unione Europea per combattere il divario digitale. Si va verso un’epoca nella quale un numero sempre maggiore di persone potranno accedere ad internet e scegliere liberamente il proprio operatore attraverso un servizio di confronto ADSL come SosTariffe.it.

Commenti Facebook: