5G in Italia: tra gli utenti c'è ancora tanta disinformazione

In queste ore è stato presentato il nuovo rapporto Censis, realizzato in collaborazione con WINDTRE, denominato "Il valore della connettività nell’Italia del dopo Covid-19" che va ad analizzare vari aspetti del settore delle telecomunicazioni italiano soffermandosi anche sul 5G. Tra i vari dati rilevati dal rapporto emerge una scarsa conoscenza della rete mobile di nuova generazione. Circa il 40% non sa cosa sia o addirittura è convinto che il 5G faccia male alla salute. Ecco quanto emerso dal rapporto Censis.

5G in Italia: tra gli utenti c'è ancora tanta disinformazione

Il 5G è disponibile in Italia dal 2019. Circa due anni fa, infatti, sono arrivate le prime offerte di telefonia mobile che consentivano agli utenti di poter accedere alla rete mobile di nuova generazione (sfruttando un dispositivo compatibile). Oggi, inoltre, il 5G è un riferimento del mercato e viene proposto da tutti i principali operazioni nazionali (TIM, Vodafone, Iliad, WINDTRE e Fastweb). Tra gli utenti italiani, però, c’è ancora scarsa informazione sul tema del 5G, una tecnologia destinata a diventare sempre più importante nei prossimi anni.

I dati dell’indagine Censis sul rapporto con il 5G degli italiani

Secondo quanto rilevato dal nuovo rapporto Censis “Il valore della connettività nell’Italia del dopo Covid-19”, infatti, una fetta rilevante degli utenti italiani non conosce l’argomento o, seguendo le fake news che da tempo circolano in rete, sfruttando prevalentemente i social network, ritiene che il 5G faccia male. I dati dell’indagine confermano che il 60,4% degli italiani è favorevole all’installazione del 5G e spera che la rete mobile di nuova generazione sia resa operativa quanto prima, ovunque e per tutti. Questa percentuale sale notevolmente tra gli uomini (70,6%) e tra i laureati (67,4%).

Nel frattempo, però, il 14,4% degli utenti si dice contrario al 5G per via dei rischi legati alla salute (totalmente assenti e supportati dalle fake news che circolano in rete). Da notare, inoltre, che il 25.3% degli utenti non sa cosa sia il 5G. Questa percentuale è più alta tra le donne (32,3%), gli utenti con bassi livelli di scolarità (39,2%) e gli anziani (36,5%). I dati della ricerca Censis confermano, quindi, che una porzione rilevante degli utenti italiani non conosce o teme il 5G.

La campagna di fake sul 5G, che va avanti da diversi anni, ha condizionato, in modo significativo, questi risultati. Per molti utenti italiani, infatti, la rete mobile di nuova generazione continua ad essere un tema ostile. Ricordiamo che nei mesi scorsi, SOStariffe.it ha analizzato la questione 5G evidenziando 5 falsi miti sul 5G con l’obiettivo di contribuire ad accrescere la conoscenza sull’argomento della rete mobile di nuova generazione, oramai sempre più importante e decisiva per il mondo delle telecomunicazioni.

Per consultare l’indagine completa inclusa nel nuovo rapporto Censis è possibile fare riferimento al sito ufficiale (censis.it).

5G in Italia: offerte e copertura

Il 5G in Italia è oramai un riferimento del settore di telefonia mobile. Diversi operatori (TIM, Vodafone, Iliad, WINDTRE e Fastweb) hanno già messo a disposizione dei loro utenti la possibilità di accedere alla rete 5G, con evidenti vantaggi in merito alla velocità di connessione. La copertura del 5G in Italia è in costante espansione. Inizialmente, infatti, l’accesso alla rete di nuova generazione era limitato ad alcune aree delle principali città italiane. Oggi, a due anni dal lancio commerciale, il 5G è una realtà in costante espansione.

Una recente indagine Ookla ha confermato che in Italia le connessioni in 5G registrano una velocità media di 122 Mbps in download. Si tratta di un dato buono ma che conferma come la strada per un miglioramento netto delle prestazioni sia ancora molto lunga. Le città dove si viaggia più veloce sfruttando il 5G sono Napoli, Torino e Bologna (per quanto riguarda il download) e Catania, Palermo e Bari (per quanto riguarda l’upload).

Ricordiamo che è possibile scoprire le migliori tariffe per sfruttare il 5G grazie al comparatore di SOStariffe.it che presenta un’intera sezione dedicata alle offerte 5G. La comparazione delle offerte può avvenire anche tramite l’App di SOStariffe.it, disponibile su Android ed iOS. Attualmente, le offerte che consentono l’accesso alla rete mobile di nuova generazione (a chi ha uno smartphone 5G) partono da meno di 10 euro al mese.

Scopri qui le migliori offerte 5G »

Commenti Facebook: