4 consigli veloci per tagliare la bolletta della luce subito

Risparmiare energia elettrica e tagliare la bolletta della luce è possibile: basta seguire dei piccoli accorgimenti e aderire allofferta luce più adatta al proprio profilo per risparmiare subito. Ad esempio, passando al mercato libero e approfittando delle tariffe energia elettrica dei venditori, è possibile pagare fino a 160 euro in meno all’anno. Scopri i nostri 4 consigli veloci per tagliare la bolletta della luce subito.

confronto tariffe energia elettrica

1. Tariffa energia elettrica conveniente

Innanzitutto, siete sicuri di aver scelto la tariffe energia elettrica più conveniente secondo le vostre esigenze? Ricordate che nel Mercato Libero, come spiegato nel nostro articolo sulla bolletta trasparente, il peso delle imposte sull’energia è del 40%, ma sul restante 60% potete intervenire.

Scegliete la tariffa in funzione del vostro consumo di energia annuo, la ripartizione del consumo nella giornata, la potenza e altre caratteristiche, utilizzando il nostro servizio gratuito di confronto:

Confronta Tariffe Energia Elettrica

2. Tariffa bioraria della luce quando conviene

Se per motivi di lavoro o studio non siete a casa durante la maggior parte della giornata, molto probabilmente vi conviene scegliere una tariffa bioraria.

Questo tipo di tariffa presenta prezzi differenziati secondo i momenti della giornata e i giorni della settimana. Concentrando i consumo dalle 19 alle 8 del mattino nei giorni feriali, e durante tutto il weekend e i festivi, il risparmio è assicurato.

Vai a Tariffe Biorarie

3. Bonus sociale energia

Se la vostra famiglia è numerosa, o vi trovate in situazioni di disagio economico, potete richiedere il bonus sociale energia, che vi consente uno sconto pari al 20% della bolletta luce. Visitate il sito dell’AAEG per maggior informazione.

4. Uso consapevole dell’elettricità

Gran parte del risparmio deve provenire dell’uso consapevole dell’energia elettrica nell’abitazione. Due piccoli avvertimenti riguardano l’uso di lampade a basso consumo energetico, e l’uso moderato del climatizzatore.

Infine, non tutti gli elettrodomestici consumano energia allo stesso modo. Quelli che più incidono sulla bolletta sono lo scaldabagno elettrico (20%) e il frigorifero (18%).

L’illuminazione, in genere, è la responsabile del 15% del consumo, mentre la lavatrice del 13%. Spegnere il televisore quando non serve può anche essere d’aiuto, dato che rappresenta il 11% del consumo energetico di una famiglia tipo.

E’ possibile avere maggiori informazioni riguardo il consumo e l’incidenza reale dei principali elettrodomestici sulla spesa energetica leggendo il nostro più recente osservatorio sui miti da sfatare e migliori comportamenti da adottare per risparmiare sui consumi.

Commenti Facebook: