Furto di auto o moto: come richiedere il risarcimento del danno

Se avete stipulato una Rc auto o Rc moto con polizza aggiuntiva furto è bene sapere come comportasi nel caso in cui il nostro veicolo venga sottratto da terzi. Stipulare una polizza furto-incendio è essenziale per ottenere il risarcimento del danno conseguente al verificarsi di tali ipotesi; ecco come stipulare una polizza furto o furto-incendio e come rivolgersi alla propria assicurazione per il ristoro dei danni.

Cosa fare in caso di furto

Alla Rca (assicurazione sulla responsabilità civile nei confronti di terzi) è possibile aggiungere una serie di garanzie “accessorie”, la più comune è la furto, o la furto-incendio.

Per cautelarsi dalle ipotesi di furto, evento che può verificarsi tanto nelle grandi città quanto nei piccoli centri (si pensi che in base al Dossier sui furti auto 2012 la sottrazione di veicoli a motore è una ipotesi in crescita, soprattutto nelle regioni Campania e Lazio; in Puglia, a Bari, solo nel 2013 si sono verificati circa 6.000 furti d’auto) bisogna rivolgersi alla propria compagnia assicurativa, oppure confrontare le assicurazioni auto e le promozioni messe a disposizione dalle compagnia assicurative online  richiedendo dei preventivi.

Confronta preventivi RC auto

La denuncia di furto

Il primo passo da compiere in caso di furto di auto o di moto è rivolgersi immediatamente alla polizia o ai carabinieri per presentare denuncia del fatto. Nel corpo della denuncia occorrerà indicate le generalità del danneggiato, le caratteristiche del veicolo (modello, targa) e la sua descrizione (buono stato, cattivo stato di manutenzione).

Sarà inoltre richiesto di indicare la data e l’orario approssimativo del furto (questi sono da presumere in base alle circostante di scoperta del fatto). In secondo luogo occorre segnalare la perdita di possesso del veicolo all’ACI-Pubblico Registro Automobilistico (PRA), indispensabile per sospendere il pagamento della tassa automobilistica.

La denuncia di furto all’autorità non è solo essenziale al fine di richiedere il risarcimento del danno all’assicurazione, ma anche per cautelarvi nel caso in cui si verifichi un sinistro stradale con la propria auto rubata, in tal caso infatti provvederà al risarcimento il Fondo per le vittime della strada (e non la vostra assicurazione).

La denuncia di sinistro

Ciascuna compagnia assicurativa prevede delle specifiche modalità di risarcimento danni pressoché analoghe. Innanzitutto dopo aver inoltrato la richiesta alla vostra assicurazione, tramite email, portale web, assistenza telefonica o lettera raccomandata, vi sarà richiesto di inviare i seguenti documenti:

  • Denuncia di furto;
  • Certificato di proprietà del veicolo;
  • Documento di perdita di possesso;
  • Copia delle chiavi del veicolo.
N.B.: L’assicurazione risarcirà il danno da furto in base al valore commerciale del veicolo, ma recentemente al Corte di Cassazione ha stabilito che le compagnie assicurative sono tenute a risarcire la valutazione massima attribuibile alla vettura se si dimostra che, al momento del furto, questa si trovava in perfetto stato di manutenzione.
Per quanto riguarda i tempi del risarcimento, una volta compilato ed inoltrato il modulo di denuncia di sinistro alla vostra assicurazione ed allegata la documentazione sopra in elenco, bisognerò attendere dai 40 ai 50 giorni per ottenere una offerta di risarcimento, che dovrà essere congrua rispetto al valore del veicolo.
La crescita del numero di denunce per furto di auto e moto ha incredibilmente allungato i tempi del risarcimento, può accadere quindi che anche anche dopo un mese non sia ancora pervenuta alcuna offerta da parte dell’assicurazione. In tal caso è bene contattarla nuovamente o rivolgersi ad un avvocato per sollecitare la pratica.

Commenti Facebook: