10 serie TV Netflix da vedere assolutamente nel 2019

Leggi con noi quali sono le migliori serie TV Netflix da vedere assolutamente nel 2019 e scopri quali ancora devi vedere tra le 10 che abbiamo selezionato.

10 serie TV Netflix da vedere assolutamente nel 2019

Con l’arrivo della stagione fredda, cosa c’è di meglio che stare sotto alle coperte per recuperare le migliori proposte serie TV? In questa guida, abbiamo selezionato le serie Netflix da vedere assolutamente nel 2019.

1. Stranger Things

Stranger Things è una serie televisiva di genere fantascientifico ideata appositamente per Netflix. Essendo stata lanciata per la prima volta nel 2016, non possiamo certo affermare che si tratti di un’uscita recente nel catalogo della popolare piattaforma di streaming.

Quest’anno è però a disposizione degli abbonati l’attesissima terza serie di altrettanti 8 episodi, dopo una lunga pausa che ha tenuto sulle spine i tanti amanti di questa storia. Oltre alla prima stagione del 2016, la seconda stagione è infatti datata al 2017, ben due anni fa.

Stranger Things è ambientato negli anni Ottanta in una piccola città americana chiamata Hawkins e vede come protagonisti un gruppetto di ragazzini che si trovano ad affrontare una serie di strani fenomeni nel mondo del “Sottosopra”.

Sia la critica che gli spettatori hanno adorato gli episodi, la cui atmosfera in particolare rende omaggio alle ambientazioni, alle musiche e più in generale alla cultura dei film horror degli anni Ottanta prodotti negli Stati Uniti.

La serie è ideata e prodotta da Matt e Ross Duffer, in collaborazione con Shawn Levy e Dan Cohen, che hanno scelto per interpretare i personaggi giovani ma talentuosi attori come Millie Bobby Brown (nel ruolo di Undici/Jane Ives), David Harbour (Jim Hopper) e Finn Wolfhard (Mike Wheeler, nella storia), oltre che a interpreti più riconoscibili come Winona Ryder, che recita nei panni di Joyce Byers.

2. 3%

3% è una delle eccezioni di qualità nel catalogo Netflix rispetto alla propria provenienza. Si tratta infatti di una serie brasiliana (girata quindi in lingua originale portoghese) pubblicata nel 2019 a livello globale, ma girata sulla base di una web serie già presente su YouTube nel 2011. Di genere distopico e thriller, la serie continua con la terza stagione rilasciata quest’anno.

La trama è inquietante, ma di certo affascinante allo stesso tempo: il mondo futuro si divide in due sfere completamente opposte, tra progresso e devastazione. Solo i candidati che sono in grado di superare una catena di prove, il famoso 3%, potranno avere il privilegio di vivere nelle migliori condizioni, mentre il restante 97% rimane costretto a vivere in enormi favelas. Le persone vincenti che riescono a passare al lato “migliore”, chiamato Offshore, sono considerate pure e superiori.

Non potrete vedere questa serie in italiano, in quanto non è stata doppiata nella nostra lingua, ma solo con i sottotitoli in lingua originale, dettaglio che potrà aumentare ancora di più il realismo distorto di questo thriller.

La casa di produzione è la brasiliana Boutique Films, l’ideatore Pedro Aguilera e la regia di César Charlone, in collaborazione con Daina Giannecchini, Dani Libardi e Jotagá Crema.

3. La casa di carta

La casa di carta (in originale, La casa de papel) è una serie spagnola nata dall’ingegno di Álex Pina. Trasmessa per la prima volta nel 2017 in Spagna, in seguito tra il 2017 e il 2018 in Italia, questa serie ha riscosso enorme successo in tutte le fasce di pubblico. Proprio grazie alla trama accattivante e all’ottima qualità della produzione, ha vinto un International Emmy Award come miglior serie drammatica. Si tratta della prima serie spagnola ad essere riuscita a conquistare questo premio.

La trama è molto complessa: la serie si articola a partire da un’idea di rapina ambiziosa, guidata da un uomo che si fa chiamare “il Professore”. L’obiettivo è quello di svaligiare la zecca nazionale di Spagna a Madrid, la Fábrica Nacional de Moneda y Timbre, stampando due miliardi e quattrocento milioni di euro. In questo modo, la rapina risulterebbe perfettamente “legale.” Per fare questo, il Professore seleziona una squadra molto originale: un gruppo di personaggi che nulla hanno da perdere, in quanto reietti sociali con precedenti penali.

Nel 2019, per la gioia di tutti gli appassionati, Netflix ha rilasciato la terza stagione, composta da 8 episodi della durata di circa un’ora ciascuno. È prevista anche una quarta serie, che sarà con tutta probabilità rilasciata nel 2020 in Italia.

4. The Politician

Recensioni decisamente favorevoli per questa nuova serie americana, presente da quest’anno sulla piattaforma Netflix. La serie è stata rilasciata in Italia e nel resto dei Paesi in cui è presente il famoso servizio di streaming nello stesso momento. Si compone di 8 episodi, che hanno una durata variabile tra una mezz’ora e un’ora.
Confronta le migliori offerte Pay TV »

The Politician è una commedia noir che parla di adolescenza. La trama ruota attorno ad uno studente di scuola superiore, Payton Hobart, che vuole diventare nel futuro prossimo presidente degli Stati Uniti. Il primo passo per lui è quindi diventare presidente del consiglio studentesco e, per questo motivo, dà avvio ad un’avventurosa campagna elettorale nella propria scuola, la Saint Sebastian High School.

Il sito di recensioni cinematografiche Rotten Tomatoes riporta che The Politician “fornisce una satira in un ambiente sontuoso.” The Politician parla di una amara realtà politica, senza rinunciare allo humor.

Tra gli attori più acclamati che compaiono in questa serie, ideata da Ryan Murphy, Brad Falchuck e Ian Brennan e prodotta dallo stesso Ryan Murphy in collaborazione con la casa di produzione Fox 21, troviamo Gwyneth Paltrow, nei panni di Georgina Hobart, e Jessica Lange, in quelli di Dusty Jackson.

5. The Crown

The Crown è sicuramente una delle serie storiche più popolari e acclamate su Netflix. Di certo, questa serie, focalizzata sulla vita della regina Elisabetta II del Regno Unito e sulle vicende di quelli attorno a lei, ha cavalcato il fascino che questa famiglia molto speciale esercita da sempre su molti.

La serie, di produzione anglo-americana, è stato lanciata nel 2016 sulla piattaforma ed è ora composta da tre stagioni di 10 episodi l’una. La seconda è stata rilasciata proprio quest’anno. Sia i primi episodi che quelli successivi hanno ricevuto molto riconoscimento dalla critica. In particolare, le interpretazioni dell’attrice britannica Claire Foy, nel ruolo della Regina Elisabetta, e John Lithgow, nei panni di Winston Churchill, sono state premiate più volte: tra gli altri, ad entrambi è stato assegnato lo Screen Actors Guild Award per la migliore attrice e per il migliore attore in una serie drammatica.

La prima stagione di concentra sul racconto della storia della regina Elisabetta II a partire dal suo matrimonio avvenuto nell’anno 1947 con Filippo di Edimburgo, fino allo scoppio della crisi di Suez (1956). La seconda copre invece gli eventi accaduti fino al 1964. La terza stagione, che ha debuttato questo scorso 17 novembre, parla del periodo di tempo che va dal 1964 al 1977. Proprio per questo motivo, seguendo il naturale corso della storia, gli attori sono stati sostituiti: ad esempio, al posto di Claire Foy nei panni della Regina vi è ora Olivia Colman.

6. Il nostro pianeta

Il nostro pianeta (Our Planet, nella lingua originale) è una nuova serie 2019 prodotta da Silverback Films, in collaborazione con il WWF, la famosa organizzazione non governativa che si occupa da sempre di protezione ambientale. Include 8 puntate della durata di 50 minuti l’una dedicate ai temi ambientali. Così, Anche Netflix rafforza il proprio impegno nel contribuire a mantenere alta l’attenzione al rispetto del nostro pianeta e alla sua salvaguardia.

Ogni episodio approfondisce un argomento diverso, focalizzandosi in particolare sulla diversità degli ecosistemi presenti sulla Terra, sia del regno animale, che quello botanico. Si parla delle profondità degli oceani, delle zone artiche, delle savane africane, fino alle foreste dell’America meridionale.

Il nostro pianeta è stato proiettato davanti al pubblico per la prima volta all’interno del Museo di Storia Naturale di Londra lo scorso aprile. Alla prima hanno partecipato importanti personaggi pubblici, tra cui il Principe Carlo e i figli William e Henry, il calciatore David Beckham e la cantante Ellie Goulding, che hanno così dimostrato il proprio supporto ad una causa tanto importante in questo momento storico.

7. Mindhunter

Il 2019 ha salutato la pubblicazione della seconda stagione di Mindhunter su Netflix. Mindhunter è una serie televisiva statunitense lanciata per la prima volta nel 2017, basata sul libro dal titolo Mindhunter: la storia del primo cacciatore di serial killer (Mind Hunter: Inside FBI’s Elite Serial Crime Unit, in originale) dei co-autori Mark Olshaker e John E. Douglas.

Di genere thriller, le due stagioni includono rispettivamente 9 e 10 episodi della durata variabile tra mezz’ora e un’ora. La storia narrata vede come protagonista Holden Ford, agente dell’FBI, che si allea con l’agente Bill Tench, esperto in scienze comportamentali, e la professoressa Wendy Carr, studiosa della tipologia dell’assassino “serial killer”, per intervistare i maggiori pluriomicidi dei carceri statunitensi.

La serie ha avuto già dagli inizi un riscontro molto positivo da parte di pubblico e critica, dimostrato anche dai diversi premi riscossi. Nel 2018, Jonathan Groff, l’attore che interpreta il protagonista Holden Ford, ha vinto il Satellite Award come miglior attore in una serie drammatica, oltre ad avere ricevuto tra candidature nell’ambito del Saturn Award, dei Dorian Awards e del premio Gregg Kilday, rispettivamente come miglior serie televisiva new media, miglior attore televisivo dell’anno Jonathan Groff e migliore sceneggiatura adattata per la televisione.

8. The Umbrella Academy

Questa serie è il risultato di un recente adattamento per la piattaforma Netflix di un fumetto omonimo scritto da Gerard Way e editd dalla Dark Horse Comics. The Umbrella Academy è una della novità 2019 del canale che ha appassionato in modo particolare gli amanti del genere fantastico con supereroi. Al momento, sono disponibili in visione 10 episodi della durata di 45-60 minuti, che ricalcano il primo volume dei fumetti, pubblicato sotto il titolo “The Umbrella Academy Volume Uno: La suite dell’Apocalisse”.

La trama si articola prendendo come punto di partenza un fatto fittizio molto particolare: il primo ottobre 1989, 43 donne in tutto il mondo partoriscono allo stesso tempo, senza che la gravidanza sia nota a nessuna prima dell’avvenimento. Sette tra questi individui sono adottati dal miliardario Sir Reginald Hargreeves, che addestra il gruppo preparandolo ad essere una squadra speciale anti-crimine: The Umbrella Academy.

9. Russian Doll

Altra novità presente su Netflix, pubblicata proprio quest’anno, è Russian Doll. Si tratta di una serie televisiva statunitense, presente ora sulla piattaforma con 8 episodi piuttosto brevi, della durata di circa 25 minuti ciascuno.

Girata a New York nel febbraio 2018, la serie vede come protagonista Nadia Vulvokov, che per ragioni misteriose viene imprigionata in un loop temporale: nel giorno del suo trentaseiesimo compleanno trova la morte, che però continua ad avvenire a ripetizione in modi diversi e bizzarri.

Tra gli attori che recitano in Russian Doll, ricordiamo Natasha Lyonne (nei panni della protagonista Nadia), interprete con una lunga esperienza e partecipazioni in titoli come Orange Is The New Black, New Girl, Law & Order e Girls, e l’attrice e modella americana Chloë Sevigny (Golden Globe come migliore attrice non protagonista per la serie Big Love nel 2010).

10. Sex Education

Questa commedia britannica è stata lanciata su Netflix quest’anno ed è indubbiamente una delle migliori novità del 2019 offerte dalla piattaforma di streaming. La stagione è composta da 8 episodi della durata di circa 50 minuti l’uno.

La serie vede Otis, un comune adolescente, relazionarsi con la mamma Jean, famosa scrittrice e terapeuta sessuale. A scuola, un giorno Otis si ritrova improvvisamente a dare ottimi consigli ad un compagno sulla propria vita sessuale. Grazie ad un’altra compagna, Maeve, Otis diventa il terapista dell’intero istituto.

Sex Education parla di quel complicato ma speciale periodo della vita quale è l’adolescenza in modo leggero, ma mai banale.

Commenti Facebook: