Come risparmiare sulle bollette


Sempre puntuali, anche quando un po’ di ritardo sarebbe gradito: le bollette per le nostre forniture sono una parte consistente delle spese familiari e sarebbe un grave errore accettare come un fatto incontrovertibile che si debba, per forza, spendere tanto.

bolletta

Dalla luce al gas, passando per le telefonate e la connessione a Internet, le possibilità di recuperare con costanza preziose decine di euro è più che concreta. Anche senza eseguire interventi troppo rivoluzionari (ad esempio installare pannelli fotovoltaici o il solare termico, ottime idee da un punto di vista energetico ma molto costose e non alla portata di tutti anche dal punto di vista dello spazio) è possibile tagliare le bollette: vediamo qui di seguito come fare, a seconda del tipo di fornitura.

Come risparmiare sulle bollette della luce

Per la luce (e per il gas) il consiglio è quello di passare al mercato libero, se non lo si ha già fatto. Questo perché tra pochi mesi sarà obbligatorio farlo comunque (e le condizioni praticate dagli operatori non saranno più così convenienti), ma soprattutto perché è possibile risparmiare centinaia di euro ogni anno con un’operazione di switch, come si definisce in gergo il cambio di fornitore, molto semplice, che non comporta nemmeno l’interruzione del servizio.

Sul motore di comparazione di SOStariffe.it è possibile mettere a confronto le offerte luce dei vari operatori, alla ricerca di quella più conveniente per la propria residenza, avendo sempre bene chiaro quanto si risparmia rispetto alla famiglia-tipo ancora nel Servizio di Tutela (valore definito in base ai propri parametri di utilizzo, dagli elettrodomestici posseduti ai componenti del nucleo familiare). In questo modo si ha a portata di mano un consulente digitale gratuito che aiuta a orientarsi in un mondo decisamente complesso, quello appunto del mercato libero.

Ci sono però delle buone pratiche da seguire quando si vuole risparmiare sulle bollette della luce, a portata di tutti e che obbligano soltanto a una minima variazione delle proprie abitudini, e a volte nemmeno quello. Innanzitutto c’è la scelta tra offerta monoraria e offerta multioraria (o bioraria o trioraria, seconda). Nel primo caso, il costo dell’elettricità – o meglio della componente energia – è lo stesso a prescindere dal giorno o dall’ora; nell’altro, invece, ci sono delle fasce orarie in cui l’energia costa molto di meno (di sera e di notte, e tutto il giorno durante i festivi) a fronte di un leggero aumento nell’ora di punta, ovvero durante i giorni feriali. Una coppia dove entrambi i partner lavorano potrebbe trovarsi meglio con un’offerta multioraria, per capirci, visto che non usano né luci né elettrodomestici durante il giorno, quando sono a lavoro.

Le offerte possono poi essere con prezzo della componente energia bloccato per un certo periodo di tempo (di solito uno o due anni) oppure variabile, con aggiornamenti periodici. Ovviamente le tariffe del primo tempo sono convenienti quando il prezzo dell’energia è molto basso, altrimenti meglio puntare sulle seconde.

Attenzione però perché la Componente Energia non è affatto l’unica che contribuisce a creare il prezzo della fornitura e, quindi, l’ammontare della bolletta: ci sono da considerare le tasse, gli oneri di distribuzione, il costo del trasporto e così via, comprese altre voci che alcuni operatori possono far pagare al cliente e altri no. Per questo non è mai una buona idea paragonare semplicemente la Componente Energia di un’offerta con un’altra: molto meglio guardare il prezzo totale e agire di conseguenza. Altre voci che si possono eliminare per risparmiare sono la bolletta cartacea (in molti casi a pagamento, laddove quella digitale è sempre gratuita ed più facile da archiviare) e l’invio stesso della fattura, visto che la domiciliazione bancaria, molto gradita ai fornitori, dà spesso diritto a bonus e sconti.

Gli altri consigli sono, tra gli altri:

  • Far partire gli elettrodomestici come la lavatrice e la lavapiatti solo quando sono a pieno carico

  • Sostituire tutte le luci (soprattutto le alogene, che devono essere eliminate il prima possibile anche in base alle direttive europee) con delle lampadine a LED, in grado di consumare anche l’80% in meno e di ripagare in breve tempo il loro maggior costo

  • Non limitarsi allo stand-by dei propri dispositivi, anche se è più comodo: è meglio spegnerli del tutto, soprattutto se non li si userà per un po’ di tempo (ad esempio, una stampante), visto che anche quelle piccole lucette rosse, a lungo andare, posso costituire una voce di spesa non indifferente

  • Posizionare correttamente il frigorifero, ovvero almeno a 10 cm di distanza dalla parete e lontano dalle fonti di calore artificiale, come i termosifoni e i forni. È inoltre inutile (e dispendioso) mantenere una temperatura troppo rigida: tra i 5 e i 6 °C andrà benissimo

  • A lungo termine, ma indispensabile: rinnovare tutti i propri elettrodomestici e sostituirli con quelli con la migliore efficienza energetica, con classi A++ e superiori. Si recupererà nel giro di pochi anni quanto speso, e poi sarà tutto risparmio

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Come risparmiare sulle bollette del gas

Il gas è forse il tasto più dolente quando si parla di bollette, perché per il riscaldamento – così come per l’acqua calda sanitaria e per la cottura dei cibi – il rischio di esborsi molto salati è più che concreto, soprattutto se si vive in zone molto fredde. Confrontando le offerte gas su SOStariffe.it, è possibile inserire le proprie preferenze – la tipologia di consumo, le dimensioni della casa, il numero di persone in famiglia – per scoprire le tariffe più convenienti, in termini di risparmio rispetto al Servizio di Tutela per il Gas.

Come per l’energia elettrica, anche qui è possibile scegliere tra offerte gas a prezzo fisso per uno, due o più anni (piuttosto difficili da stipulare nei periodi di basso costo della materia prima, com’è capitato dopo la pandemia da coronavirus, e per questo da prendere al volo) e proposte con prezzo variabile o indicizzato. Non c’è la separazione in fasce di consumo, ma i metodi di risparmiare scegliendo tra le diverse offerte non mancano: ad esempio con un sconto applicato direttamente in bolletta per il primo anno di fornitura, o un buono (come quelli per Amazon), comune soprattutto quando si sceglie la strada del dual fuel, ovvero del pacchetto completo gas/luce.

Altri risparmi comuni alle bollette sull’energia sono quelli legati alla bolletta digitale e alla domiciliazione bancaria, oltre ai bonus corrisposti a chi porta un amico che poi finisce con il firmare un nuovo contratto.

Al di là dei diversi operatori, anche in questo caso si possono seguire poche semplici regole e constatare un abbassamento della bolletta (e un sollievo per il portafogli):

  • Dotarsi di infissi come i doppi e tripli vetri, in grado di garantire un ottimo isolamento termico: serviranno sia d’estate che d’inverno, evitando quelle dispersioni che costringono rispettivamente ad accendere il condizionatore e ad aumentare la temperatura sul termostato

  • Installare valvole termostatiche sui caloriferi: è inutile avere radiatori a piena potenza in stanze che non usiamo mai, come ad esempio la camera da letto durante il giorno o la cucina dopo cena

  • Non dimenticarsi mai la manutenzione periodica della caldaia e dei termosifoni

  • Valutare l’installazione delle pompe di calore, approfittando delle detrazioni fiscali

  • Mantenere costante la temperatura di casa, senza esagerare (anche nel cuore dell’inverno, non c’è ragione di superare i 19 °C, anzi, può essere malsano, soprattutto di notte)

  • Coprire il più possibile le pentole con i coperchi per velocizzare la cottura

  • Scegliere la doccia invece del bagno in vasca

Come risparmiare sulle bollette per Internet casa

Le offerte Internet casa sono oggi praticamente indispensabili per chi vuole accedere alla Rete in tutta comodità e non limitarsi a farlo con la sua offerta di telefonia mobile. Quest’ultima è una soluzione possibile anche utilizzando la modalità tethering per trasformare lo smartphone a tutti gli effetti in router, ma ha un grande limite: il traffico delle offerte mobili non è illimitato, ma ha una soglia di un certo numero di Giga. Ci sono, è vero, anche offerte con Giga illimitati, ma sono molto costose – non di rado, più di una connessione Internet casa e di una low-cost mobile sommate insieme – o con pesanti limitazioni.

Per questo motivo, chi vuole risparmiare sulle bollette Internet casa deve prima di tutto valutare l’uso che ne farà. Se si tratta di un uso sporadico, allora può davvero essere sufficiente utilizzare il traffico dell’offerta mobile e non fare alcun tipo di abbonamento, ma se l’utente intende collegarsi a Internet con regolarità è necessario pensare altre strategie.

Per prima cosa, allo stato attuale non ci sono quasi mai considerevoli differenze tra il costo dell’ADSL – la più datata ma anche la più diffusa tra le tecnologie che permettono di collegarsi alla Rete, visto che si basa sulla normale linea telefonica – e quello delle due versioni più diffuse della fibra ottica: FTTC (Fiber to the cabinet, con fibra che arriva fino all’armadio stradale e da lì sfrutta la linea telefonica per arrivare fino al domicilio dell’utente) e FTTH (Fiber to the home, con la fibra che arriva direttamente in casa). Non è però una brutta idea dare un’occhiata, nelle offerte, alle presenze di eventuali sovrapprezzi per sfruttare tutta la velocità di cui è capace una linea a banda ultralarga di ultima generazione.

Un’altra possibilità di risparmio è data dalla presenza o meno delle telefonate incluse. Oggi gran parte delle nostre conversazioni avviene via smartphone, e non con il classico telefono fisso; per questo motivo, se si è sicuri di non avere bisogno delle chiamate con la tradizionale cornetta, si può risparmiare cercando un’offerta con le telefonate a consumo, di solito leggermente meno costose delle tariffe tutto incluso.

Se si ha intenzione di cambiare anche operatore di telefonia mobile, o perlomeno di guardarsi intorno alla ricerca di nuove offerte, non sono da sottovalutare le tariffe che comprendono in un unico pacchetto la connessione Internet casa e quella per lo smartphone: di norma hanno un costo inferiore di qualche euro al mese rispetto all’offerta fissa e a quella mobile sommate.

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Come risparmiare sulle bollette: le migliori offerte luce e gas di Luglio 2020

Risparmiare sulle bollette di luce e gas è possibile anche senza dare un taglio ai consumi. Le forniture energetiche rappresentano una porzione significativa del bilancio familiare e possono comportare una spesa annuale pari a più di 1.000 Euro. Per ridurre il più possibile l'importo delle bollette senza ridurre al minimo i consumi è sufficiente puntare sulle tariffe del mercato libero. Scegliendo le migliori offerte luce e gas di luglio 2020 sarà, quindi, possibile ridurre in modo significativo i costi per le proprie forniture.

Le migliori offerte luce e gas di luglio 2020

Quali sono le migliori offerte luce e gas che è possibile attivare a luglio 2020? Abbiamo effettuato una simulazione con il comparatore di SOStariffe.it per individuare le più economiche e con i migliori servizi da sottoscrivere se si vuole risparmiare rispetto al mercato tutelato o al proprio operatore attuale: ecco quali sono.