Come ricaricare PostePay


Postepay è una carta ricaricabile emessa da Poste Italiane e disponibile in varie versioni: Standard, Evolution, Evolution Business e Connect.

I modi per ricaricare la carta Postepay sono diversi, in modo da venire incontro alle esigenze di qualsiasi tipo di utente, dal giovane all’anziano, da chi preferisce lo sportello fisico a chi esegue questo genere di operazioni sempre via Internet.

È infatti possibile ricaricare Postepay tramite:

  • Ufficio postale
  • ATM Postamat
  • Ricarica a domicilio
  • Siti Poste Italiane
  • App Postepay
  • App Bancoposta
  • Altri punti vendita
  • Conti online BPM

La ricarica di Postepay all’ufficio postale

Se si preferisce avere un contatto diretto con l’operatore che esegue la ricarica della propria carta Postepay, il modo migliore è recarsi verso l’ufficio postale più vicino. Qui si potrà scegliere tra diverse modalità per la ricarica:

  • con versamento in contanti
  • con un’altra carte Postepay
  • con una carta Postamat Maestro o con un'altra carta Bancoposta abilitata

La ricarica di Postepay presso un’ATM Postamat

Gli ATM Postamat sono gli sportelli automatici di proprietà delle Poste, pensate sia per chi ha un conto presso Poste Italiane sia per chi ha semplicemente una Postepay e voglia ricaricarla senza dover fare la coda allo sportello. A differenza dell’ufficio postale, però, non è possibile ricaricare la carta con questa modalità usando del contante. I metodi accettati sono i seguenti:

  • con un'altra carta Postepay
  • con un'altra carta BancoPosta
  • con carta di pagamento aderente al circuito internazionale Visa, Visa Electron, Vpay, Mastercard e Maestro

La ricarica di Postepay a domicilio

Con la ricarica a domicilio di Postepay non è nemmeno necessario uscire di casa per recarsi alle Poste o in altri punti vendita convenzionati, ma si può fare tutto con il proprio postino.

Il servizio deve essere richiesto a un Portalettere abilitato e il pagamento può essere effettuato:

  • con un’altra carta Postepay
  • con tutte le carte Postamat
  • con le carte di debito del circuito Maestro

Basta chiamare l’803.160 e parlare con il Contact Center di Poste Italiane per prenotare la visita del Portalettere abilitato: non costa nulla, a parte la commissione standard di ricarica. Si può utilizzare anche il sito per richiedere un appuntamento presso il proprio domicilio o la sede di lavoro.

La ricarica con i siti di Poste Italiane

Anche i siti web di Poste Italiane, ovvero poste.it e postepay.it, possono essere utilizzati per la ricarica di Postepay; è forse la soluzione più comoda per chi ha già dimestichezza con le transazioni online. La ricarica può essere effettuata:

  • Online con addebito su conto BancoPosta tramite il servizio di home banking - BancoPosta online
  • Trasferendo denaro da una carta Postepay nominativa ad un'altra
  • Da postepay.it e da App Postepay anche con una carta di pagamento aderente al circuito Visa, Visa Electron, VPay e Mastercard

La ricarica con app Postepay

Postepay ha una sua applicazione, per smartphone e tablet iOS e Android, che può essere utilizzata, tra le altre cose, anche per la ricarica di Postepay. Per farlo basta utilizzare il proprio dispositivo trasferendo denaro da una Postepay nominativa a un’altra, o utilizzare una carta di pagamento aderente al circuito Visa, Visa Electron, VPay e Mastercard.

Tra le altre funzionalità dell’app Postepay:

  • verifica del saldo della carta prepagata
  • verifica della lista movimenti
  • ricarica del cellulare
  • scambio di piccole somme di denaro con amici presenti in rubrica

La ricarica con app Bancoposta

L’app BancoPosta, così come quella Postepay, è disponibile su tablet e smartphone Android e iOS. Come l’app precedente, può essere utilizzata per ricaricare la carta Postepay o quella di un’altra persona:

  • con trasferimento di denaro da una carta prepagata Postepay nominativa a un’altra
  • con addebito su conto BancoPosta se attivo il servizio di home banking

Tutto quello che è necessario fare è associare il proprio conto corrente BancoPosta o la carta Postepay alla SIM e all’app BancoPosta.

La ricarica presso altri punti vendita

Per ricaricare Postepay è possibile anche recarsi presso i punti vendita convenzionati della rete Lottomatica Servizi e presso gli esercizi convenzionati Banca 5, che possono essere individuati direttamente su postepay.it. Qui, a differenza di altre soluzioni, è possibile effettuare la ricarica in contanti (sia da parte del titolare della carta che da un terzo), da un minimo di 1,00 euro ad un importo massimo di 997,99 euro ad operazione, presentando i seguenti documenti:

  • un documento di identità in corso di validità (la carta d'identità, il passaporto, la patente di guida);
  • la tessera del codice fiscale rilasciata dall'Agenzia delle Entrate, tessera sanitaria regionale, ovvero carta di identità elettronica come tesserino valido per l'attestazione del codice fiscale;
  • il numero della carta da ricaricare.

La ricarica con i conti online BPM

L’ultimo modo per ricaricare Postepay è utilizzare il servizio di home banking di un conto BPM, che, a differenza degli altri istituti di credito, prevede una sezione apposta per la ricarica della carta di Poste Italiane.

La ricarica per le Postepay non standard

È da ricordare infine che i modelli più avanzati di Postepay, come ad esdempio Postepay Evolution, permettono l’accredito dello stipendio o della pensione direttamente sulla carta, grazie all’IBAN, e allo stesso modo l’alimentazione della carta può essere effettuata semplicemente tramite bonifico.

La ricarica automatica di Postepay

Non per forza è necessario ricaricare la carta Postepay ogni volta che questa esaurisce il suo credito, o per acquisti particolarmente onerosi. È infatti possibile scegliere di effettuare ricariche automatiche:

  • a tempo (ogni settimana, ogni 15 giorni, ogni mese, nel giorno indicato dal cliente)
  • a soglia (ogni volta che il saldo disponibile sulla carta scende al di sotto di un importo definito)

Il servizio ha un costo di 1 euro al mese per le ricariche addebitate sulla carta prepagata Postepay o sul conto BancoPosta o di 2 euro al mese per le ricariche addebitate sulla carta di pagamento di un altro Istituto. Non ci sono costi ulteriori per le singole ricariche effettuate automaticamente all’interno della ricorrenza scelta.

Per attivare il servizio di ricarica automatica si può:

  • utilizzare l’app Postepay, per quanto riguarda le ricariche automatiche addebitate su carta Postepay o carta di pagamento di altri istituti
  • utilizzare l’app Bancoposta, per le ricariche automatiche addebitate su Conto BancoPosta

Le carte di credito più interessanti di marzo 2020

La carta di credito è uno strumento di pagamento molto utile che può fare comodo in svariate circostante. Per questo motivo, è opportuno valutare sempre con molta attenzione le caratteristiche di una carta al fine di poter individuare la soluzione più adatta a quelle che sono le proprie esigenze. Le opzioni a disposizione per chi vuole una carta di credito sono numerose. Ecco, quindi, quali sono le carte di credito più interessanti di marzo 2020 e come fare a richiederle direttamente online. 

Detrazioni fiscali, obbligo dei pagamenti tracciabili rinviato al 1 aprile

Importanti novità in arrivo per quanto riguarda le detrazioni fiscali. Alla Camera, infatti, è arrivato il correttivo al Dl Milleproroghe che conferma lo spostamento dell'obbligo di pagamenti tracciabili per l'ottenimento delle detrazioni fiscali. Come indicato dalla nuova normativa, l'obbligo scatterà ora a partire dal prossimo mese di aprile. Ecco tutti gli aggiornamenti sulla questione. 

Saldi online 2020, la guida completa: date, migliori offerte e pagamenti sicuri

Puntuali come un orologio svizzero e desiderati come il Natale i saldi online 2020 sono finalmente arrivati e potrebbero essere destinati a non deludere le aspettative dei consumatori. Valle d’Aosta, Basilicata e Sicilia sono le prime regioni coinvolte: a seguire i saldi saranno applicati in tutta Italia. In questa guida potrai trovare il calendario completo relativo ai saldi invernali 2020 e qualche consiglio per non sbagliare con gli acquisti online.