RC auto familiare, 5 cose da sapere per risparmiare fino al 50%


Il 16 febbraio 2020 è la data a partire dalla quale entrerà in vigore la nuova Rc auto familiare, che rappresenta un’evoluzione della legge Bersani, in vigore nel nostro Paese dal 2007.

rc familiare

Si tratta di un cambiamento che ha portato all’ampliamento della platea dei beneficiari diretti della Legge Bersani e con la quale sarà garantito un risparmio ancora maggiore per tantissime famiglie che possiedono più di un veicolo.

Non vi potranno però aderire:

  • le famiglie che sono in possesso di un solo veicolo, che in Italia sono 8 milioni;

  • 2,8 milioni di famiglie, in quanto i componenti del loro nucleo familiare si trovano già nella prima classe di merito;

  • tutti coloro i quali hanno avuto un incidente con colpa nei 5 anni precedenti.

Vediamo di seguito qualche utile suggerimento da mettere in pratica al fine di ottimizzare i risparmi relativi al costo dell’assicurazione grazie all’arrivo della Rc auto familiare.

1. Approfittare della nuova Rc auto familiare

La nuova Rc auto familiare permetterà, all’interno di uno stesso nucleo familiare, di accedere alla classe di merito più vantaggiosa non solo per tutti i nuovi contratti assicurativi che saranno sottoscritti per l’acquisto di nuovi veicoli, ma anche per quelli scaduti che devono essere rinnovati.

Ricordiamo che la polizza obbligatoria Rc auto può avere una durata massima di 12 mesi, al termine dei quali non si rinnova in automatico in quanto la regola del tacito consenso è stata abolita alla fine del 2012.

Questo vantaggio può essere applicato a qualsiasi tipologia di veicolo, quindi il trasferimento può avvenire anche da auto a moto, o viceversa. È molto importante ricordare che il richiedente non deve essere stato il responsabile principale di sinistri stradali nei 5 anni precedenti.

Essere a conoscenza dei vantaggi che la nuova Rc auto familiare comporta costituisce il primo passo per iniziare a risparmiare: questo significa che se in famiglia viene acquistata una nuova auto per il figlio neopatentato o una moto a una persona alla quale dovrebbe spettare una classe di merito poco vantaggiosa, potrà essere applicata la classe di merito migliore tra quelle tutte quelle presenti nello stesso nucleo familiare. A conti fatti, i costi da pagare potrebbero essere dimezzati fino al 50%.

2. Confrontare i prezzi

Una delle prime conseguenze che potrebbero derivare dall’introduzione della RC auto familiare è relativa a un aumento dei prezzi da parte delle compagnie assicurative. Per questo motivo, nel momento in cui si ha una polizza in scadenza oppure si deve scegliere per la prima volta di attivare una nuova polizza Rc auto, chiedere dei preventivi a diverse compagnie assicurative e confrontarli è una buona strategia per iniziare a risparmiare.

3. Approfittare delle promozioni

Nel momento in cui si confrontano i preventivi proposti dalle varie compagnie assicurative, si consiglia di prestare particolare attenzione alla presenza di eventuali promozioni.

Per esempio:

  • ci sono casi nei quali viene proposto uno sconto se si sceglie di attivare l’assicurazione qualche giorno prima rispetto alla scadenza di quella attiva in precedenza;

  • in altri casi sono previsti degli sconti qualora si scegliesse il pagamento con la carta di credito o l’addebito sul conto corrente;

  • in generale, pagare l’assicurazione in un’unica soluzione piuttosto che in rate comporta sempre numerosi vantaggi.

4. Valutare bene le garanzie accessorie

Ciò che spesso determina un aumento, e anche considerevole, dell’assicurazione RC auto sono le cosiddette polizze accessorie, quali quella per l’infortunio del conducente, per la tutela legale, la Kasko, che è una delle più costose assieme alla garanzia furto e incendio, e così via.

Anche in questo caso, prima di farsi prendere la mano e attivare tutte le garanzie accessorie disponibili, è bene fare una valutazione basata su quelli che sono gli utilizzi effettivi del proprio veicolo, prendendo per esempio in considerazione le condizioni delle strade o dei territori che si è soliti percorrere, oppure il grado di pericolosità della città nella quale si abita.

 5. Scegliere un’assicurazione online

Optare per un’assicurazione online, scelta dopo un processo di comparazione, rappresenta uno strumento estremamente efficace per riuscire a risparmiare. Nella maggior parte dei casi i costi delle assicurazioni online sono infatti più bassi rispetto a quelli che vengono proposti dal vivo, recandosi presso la sede di una qualunque compagnia assicurativa.

In più, i moderni strumenti di comparazione online offrono la possibilità di avere accesso a un gran numero di preventivi con l’inserimento di pochissimi dati, quali la tipologia di veicolo da assicurare e le informazioni relative alla residenza del richiedente che, com’è noto, possono avere un impatto sull’aumento o sulla riduzione del costo finale.

Auto vecchie: chi paga il bollo?

Il bollo auto è il nome comune della tassa automobilistica dovuta ogni anno per il possesso di un determinato veicolo. Si tratta, quindi, di uno dei principali "costi fissi" per i proprietari di auto e moto e deve essere tenuto in considerazione nella valutazione dei costi di mantenimento del veicolo. Non tutte le auto devono pagare il bollo o devono pagare la tassa per intero. La normativa prevede, infatti, condizioni agevolate per il bollo delle auto "vecchie". Ecco tutto quello che c'è da sapere.

Bonus 40% elettriche: che cosa è e come ottenerlo

Ci sono tante iniziative in arrivo per sostenere la diffusione delle auto elettriche. Tra le novità previste dalla commissione Bilancio della Camera, infatti, c'è anche un nuovo bonus riservato alle famiglie che rispettano determinati requisiti di reddito. Il nuovo bonus renderà l'acquisto delle auto elettriche ancora più conveniente, anche per le famiglie a basso reddito. Ecco cos'è e come ottenere il bonus del 40% per le auto elettriche.

Revisione Auto 2020: tutte le proroghe per Covid-19

La revisione auto 2020 sarà soggetta a una serie di proroghe che sono state introdotte dal Ministero dell’Interno per andare incontro all’emergenza sanitaria: la circolare n. 300/A/7923/201l O 1/3/3/9 del 22/10/2020 aveva già introdotto delle specifiche, ma il MIT è intervenuto nuovamente per creare ordine tra la confusione creatasi a causa delle diverse ordinanze emanate negli ultimi tempi. 
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »