Mascherina in auto: quando metterla e quando si può evitare


In base all’andamento dei contagi da coronavirus, le norme vigenti sono state più volte aggiornate in merito all’obbligatorietà della mascherina. In particolare, il tema della mascherina in auto rappresenta una delle questioni maggiormente discusse e su cui, spesso, c’è confusione e poca chiarezza, anche per via dei costanti aggiornamenti normativi.

L’auto è, a tutti gli effetti, un luogo chiuso ed il rischio di trasmissione del virus può essere elevato. Per questo motivo, la normativa prevede, in diverse occasioni, l’obbligo di indossare la mascherina in auto. Si tratta di un modo utile per ridurre sensibilmente il rischio di trasmissione del virus tra gli occupanti del veicolo durante il viaggio. In particolare durante i mesi più freddi, con i finestrini chiusi, la possibilità di contagio all’interno dell’auto è elevata.

mascherina

Ecco, quindi, tutto quello che c’è da sapere sull’obbligo della mascherina in auto e, in base alla normativa vigente, quando è necessario metterla e quando, invece, si può evitare.

Mascherina in auto: i casi in cui è obbligatoria

L’attuale normativa prevede l’obbligo di mettere la mascherina in auto in tutte quelle situazioni in cui, all’interno del veicolo, sono presenti persone che non rientrano nella cerchia dei “congiunti”. In tutti i questi casi, gli occupanti del veicolo (sia il conducente che i passeggeri) dovranno indossare la mascherina per tutta la durata del viaggio.

Di conseguenza, è previsto l’obbligo di mascherina in auto quando si viaggia con amici e conoscenti. Naturalmente, la mascherina andrà indossata anche quando si prende, come passeggero, un taxi o un qualsiasi altro mezzo di trasporto con auto (ad esempio un transfert dall’aeroporto o con un’auto a noleggio con conducente).

Il mancato rispetto dell’obbligo di mascherina in auto comporterà una sanzione sino ad un massimo di 533 Euro.

Quando non c’è l’obbligo di mascherina in auto

In alcuni casi, non c’è l’obbligo di mettere la mascherina in auto. Quando il conducente del veicolo è da solo, ad esempio, non avrà l’obbligo di indossare la mascherina. Il dispositivo di protezione, in ogni caso, dovrà essere indossato non appena si uscirà dall’auto.

L’obbligo di mascherina, inoltre, non è previsto per i viaggi in cui all’interno del veicolo siano presenti dei congiunti (familiari e conviventi). Anche in questo caso, naturalmente, la mascherina andrà portata con sé e indossata una volta fuori dal veicolo, in tutte le aree in cui sia presente l’obbligo di utilizzare questo dispositivo di protezione.

Da notare, inoltre, che non c’è l’obbligo di indossare la mascherina, in qualsiasi situazione, per i bambini di età inferiore ai 6 anni e per le persone con disabilità incompatibili con l’utilizzo di questo dispositivo di protezione.

Distanziamento anche in auto

La regola del distanziamento sociale, che impone la conservazione della distanza di sicurezza tra persone non conviventi, resta valida anche in auto. Di conseguenza, i viaggi in auto tra persone non conviventi devono rispettare le norme sul distanziamento al fine di evitare sanzioni. Il distanziamento si somma all’obbligo di indossare le mascherine e non rappresenta una soluzione alternativa.

La presenza della regola del distanziamento sociale impone anche una limitazione al numero di passeggeri trasportabili su di un veicolo, nel caso di viaggi in cui non ci siano congiunti. Se il conducente e il passeggero non sono congiunti, infatti, il passeggero non potrà sedersi davanti ma dovrà sedersi nella parte posteriore del veicolo, lato passeggero.

Da notare, inoltre, che nel caso in cui ci siano due passeggeri ed un conducente, i due passeggeri (non congiunti) dovranno sedersi alle due estremità del divano posteriore dell’auto. Per una vettura con quattro o cinque posti, quindi, non possono esserci più di tre persone (un conducente e due passeggeri). La regola del distanziamento non è prevista tra congiunti.

Mascherina su altri veicoli a quattro ruote e mezzi di trasporto pubblico

Le auto non sono l’unico veicolo in cui è obbligatorio indossare la mascherina e rispettare il distanziamento sociale. L’obbligo di indossare la mascherina vale anche su altri veicoli a quattro ruote, come ad esempio i furgoni e gli autobus. Per quanto riguarda il trasporto pubblico, l’obbligo di indossare la mascherina viene esteso a tutti i passeggeri (e al conducente).

Tutti i componenti di una famiglia saranno tenuti ad indossare la mascherina anche se sono i soli, oltre al conducente, presenti su di un mezzo di trasporto pubblico. Il distanziamento previsto tra i passeggeri di un veicolo di trasporto pubblico può non essere rispettato tra congiunti ma bisognerà comunque mantenere le distanze con tutti gli altri passeggeri non congiunti.

Per quanto riguarda la capienza dei veicoli di trasporto pubblico, vanno valutate le normative locali. Nella maggior parte dei casi, attualmente, è prevista una capienza massima dell’80% della capienza normale. Il rispetto della capienza dovrà essere garantito dall’ente che gestisce il mezzo di trasporto. In caso di raggiungimento del numero massimo di passeggeri, non sarà possibile salire a bordo per altre persone.

Moto e bici: le norme sull’obbligo di mascherina

Per i mezzi a due ruote sono previste norme leggermente differenti. Quando si è alla guida di una moto, di uno scooter o di una biciletta (tradizionale o elettrica) non c’è l’obbligo di indossare la mascherina nonostante si stia “all’aperto”. I viaggi sui veicoli a due ruote possono essere effettuati senza l’obbligo di dover mettere la mascherina.

In ogni caso, la mascherina andrà indossata appena il mezzo si ferma nel caso in cui l’area di sosta preveda l’obbligo di indossare la mascherina, in base alla normativa corrente. La regola vale per tutti i mezzi a motore (anche quelli a tre e quattro ruote) che rientrano nelle categorie delle moto, dei motorini e degli scooter oltre che per le bicilette.

Su tutti i mezzi che lo prevedono, è possibile viaggiare in due nonostante l’impossibilità di rispettare il distanziamento sociale. Per i viaggi tra congiunti non c’è l’obbligo di mascherina. Per i viaggi tra non congiunti, invece, sarà necessario indossare la mascherina per tutta la durata del viaggio.

Costo Auto 2020 In Italia: cala del 7%, diminuzioni in quasi tutte le Regioni

Diminuiscono i costi per il mantenimento dell'auto in Italia. La conferma arriva dal nuovo Osservatorio di SOStariffe.it che, analizzando i costi del carburante, dell'assicurazione auto e di bollo e revisione, ha evidenziato come il costo per mantenere un'auto sia leggermente inferiore a 1500 Euro all'anno con un calo del -7.4% rispetto allo scorso anno. Lo studio ha, inoltre, evidenziato sostanziali differenze tra le regioni italiane.

Incentivi auto ottobre 2020: tutte le agevolazioni del mese e su quali modelli

Il 2020 è stato sicuramente un anno diverso dal solito per il settore auto, ma le politiche di rilancio del mercato non si sono fatte mancare, con l’introduzione di diverse tipologie di contributi. Ecco quali sono gli incentivi auto disponibili nel mese di ottobre 2020 e quali i modelli sui quali saranno applicate le agevolazioni. 

Bonus riparazione auto: tutto sui 500 euro per la manutenzione dell'auto

Un nuovo incentivo per gli automobilisti, la proposta è di creare un bonus da 500 euro. Questo incentivo è destinato a riparazioni e alle operazioni di manutenzione dei veicoli per quei cittadini che non possono acquistare un'auto nuova. Il bonus sarà riconosciuto sotto forma di detrazione fiscale, ecco cosa si sa finora di questo contributo
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »