Garanzia furto incendio


In Italia ogni 5 minuti viene rubata, in media, una macchina, per un totale di ben 100.000 vetture in un anno. L’assicurazione furto incendio rappresenta una garanzia accessoria estremamente rilevante, considerato il fatto che la maggior parte delle macchine oggetto di furto non sono automobili di lusso ma comunissime city car.

La classica RCA (Responsabilità Civile Auto), che è l’assicurazione che chiunque possieda un’automobile o una moto è obbligato a sottoscrivere, copre soltanto determinate spese, quali la riparazione dei danni subiti.

Ci sono delle casistiche, abbastanza frequenti, che vengono però escluse dalla polizza RCA, come per esempio il furto, gli incidenti causati dalla propria inesperienza o distrazione o, ancora, i casi nei quali il danno deriva da una causa esterna, come una calamità naturale o un incendio.

Assicurazione furto e incendio: come funziona

L’assicurazione furto e incendio rappresenta una polizza accessoria da aggiungere alla normale assicurazione RCA. Furto e incendio sono, in realtà, due polizze separate, ma spesso vengono proposte in modo combinato da buona parte delle compagnie assicurative. In questo modo si riescono ad attutire leggermente i costi derivanti dall’aggiunta delle due garanzie accessorie.

In genere si tratta di due evenienze che, oltre ad essere particolarmente spiacevoli, sono anche abbastanza costose. L’incendio rende infatti la macchina inutilizzabile nella maggior parte dei casi, mentre per quanto riguarda il furto, si tratta di uno degli accadimenti che comporta la spesa maggiore in quanto:

  • o si è costretti a dover ricomprare l’intera automobile;
  • qualora venissero rubati soltanto alcuni pezzi della vettura, in genere si tratta di quelli che hanno il valore maggiore.

Assicurazione furto e incendio: cosa copre

L’assicurazione furto e incendio è una delle garanzie accessorie più diffuse: il furto e l’incendio sono sicuramente due eventi casuali e non prevedibili, ma proprio in considerazione dell’alta frequenza con la quale avvengono soprattutto nelle grandi città, non possono essere presi sotto gamba.

La polizza furto e incendio, disponibile sia per l’assicurazione auto sia per l’assicurazione moto, copre i danni materiali e diretti che vengono subiti dal soggetto assicurato in caso di furto o incendio.

Cosa copre l’assicurazione furto

Andando maggiormente nel dettaglio, la garanzia furto copre:

  • nel caso di furto completo;
  • nell’ipotesi di furto parziale;
  • in caso di rapina.

Nel risarcimento sono inclusi tutti gli eventuali danni derivanti dal tentativo di furto o di scasso, che può essere un danno lieve, ma può arrivare anche alla totale distruzione della macchina. Qualora si subisca il furto totale della macchina:

  • il risarcimento sarà pari al valore commerciale che aveva nel momento in cui la polizza era stata sottoscritta;
  • tale valore potrebbe essersi ridotto nel tempo in quanto viene ricalcolato ogni qualvolta la polizza si rinnova.

Quando invece il danno alla propria auto deriva da un tentativo di furto o da un furto parziale, l’importo del risarcimento viene calcolato sulla base del costo effettivo necessario per la riparazione o l’acquisto della parte che è stata rubata.

A seconda del tipo di assicurazione sottoscritta, il costo potrebbe essere tutto a carico dell’assicurazione, oppure potrebbe esserci una franchigia a carico dell’assicurato.

L’assicurazione furto prevede il rimborso di ogni singola componente dell’automobile o della moto, ma non quello di eventuali oggetti che erano presenti al suo interno e che sono stati rubati.

Cosa copre l’assicurazione incendio

La polizza accessoria incendio permette di coprire:

  • tutti i danni derivanti da un incendio;
  • le conseguenze di uno scoppio o di un’esplosione;
  • ogni tipologia di danno causato dalle fiamme;
  • ogni tipologia di danno derivante da fulmini, surriscaldamento del motore, cortocircuiti che possano aver portato alla nascita di un fuoco.

La garanzia accessoria incendio prevede un indennizzo:

  • pari al valore commerciale del mezzo se quest’ultimo viene completamente distrutto;
  • equivalente al costo da sostenere per la sostituzione della componente compromessa dalle fiamme, in caso di danneggiamento parziale.

Anche in questo caso:

  • non viene coperta l’eventuale distruzione di oggetti che si trovavano all’interno dell’automobile;
  • esiste la possibilità di estendere la copertura della polizza a elementi quali l’autoradio o i navigatori satellitari, pagando un costo aggiuntivo;
  • in più, se l’incendio è dovuto a negligenza o disattenzione, o peggiore ancora è doloso, non si ha diritto al risarcimento danni.

Assicurazione furto e incendio: costo

Quanto incide incendio e furto nella polizza auto? In genere la polizza furto e incendio viene proposta nel momento in cui si sceglie di sottoscrivere una polizza RCA: è possibile fare richiesta di preventivo furto e incendio senza RCA, ma è in generale consigliabile vagliare una soluzione completa e fare il confronto tra i preventivi proposti da diverse compagnie assicurative, in quanto i costi sono variabili in relazione agli elementi che si sceglie di inserire all’interno della polizza.

Assicurazione furto incendio: quando non conviene

Ci sono casi nei quali si può rinunciare alla polizza furto e incendio per la propria automobile o moto? Se si vuole stare tranquilli a prescindere dal luogo in cui si abita, è sempre consigliabile aggiungere questa garanzia accessoria alla propria polizza RCA.

Più che analizzare i casi nei quali non conviene, sarebbe meglio guardare alla sua attivazione da un’altra prospettiva, ovvero quando la polizza furto e incendio è fortemente raccomandabile. Per esempio:

  • quando si vive in una grande città e c’è un rischio maggiore che qualcuno possa rubare l’auto;
  • quando nel posto in cui si abita il tasso di criminalità è superiore alla media;
  • nei casi in cui si è costretti a parcheggiare sempre l’auto all’aperto, in un luogo completamente esposto alle intemperie e alla buona fede degli altri.

Bonus Vacanze 2020: come richiederlo e spenderlo dal 1 luglio

A partire da oggi, 1° luglio 2020, è possibile richiedere e utilizzare il Bonus Vacanze 2020, l'incentivo che mira a sostenere le vacanze delle famiglie italiane che sceglieranno di alloggiare presso strutture ricettive del nostro Paese. Il Bonus Vacanze 2020 può essere richiesto da oggi, da tutte le famiglie che rientrano nei requisiti previsti dall'iniziativa, e speso entro la fine dell'anno in corso esclusivamente in Italia. Ecco, quindi, come richiedere e spendere il Bonus Vacanze 2020.

Bonus Vacanze 2020: come richiederlo tramite App IO

Il Bonus Vacanze 2020 è uno degli strumenti previsti dal Governo italiano per contribuire al rilancio dell'economia nazionale dopo il lockdown e l'emergenza sanitaria. Si tratta di un'agevolazione prevista dal decreto Rilancio che permetterà ai cittadini di ottenere un bonus da spendere per le proprie vacanze da trascorrere in Italia. Ecco come richiedere il Bonus Vacanze 2020 direttamente tramite l'app IO e chi può ottenere quest'agevolazione.

Intermediari assicurativi fisici e polizze online: impennata durante il lockdown

Durante tutto il periodo di lockdown dovuto alla pandemia, gli strumenti digitali offerti dal web, come ad esempio il comparatore online di SOStariffe.it, hanno dato un contributo notevolissimo agli intermediari assicurativi che hanno potuto mantenere un costante contato con i propri clienti, riuscendo così a minimizzare l'impatto del lockdown stesso. I dati raccolti da SOStariffe.it confermano una crescita della produzione del 310% ed un incremento del numero di partner aderenti alla sua rete che ora può contare anche su Genertel.
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »