Clausole contrattuali


Le clausole contrattuali sono contenute in ogni tipologia di contratto, compreso il contratto di assicurazione.

Confronta più assicurazioni »Vai

Le clausole contrattuali possono definirsi patti accessori, supplementari rispetto alla causa del contratto, che negli accordi Rc auto ed Rc per motoveicoli o altri veicoli si identifica con il rischio.

Nel contratto di assicurazione RC la compagnia assicurativa si obbliga a risarcire il contraente (cliente assicurato) al verificarsi dell’evento coperto, cioè il sinistro stradale, che tuttavia rimane potenziale (di qui, la causa “rischio”), mentre il contraente si obbliga a pagare una somma di denaro, detta premio assicurativo, alla data stabilita.

Oltre a questa causa principale, le clausole contrattuali contengono altri patti da cui derivano altrettanti obblighi e condizioni da rispettare affinché le reciproche obbligazioni siano soddisfatte.

Le clausole contrattuali possono riguardare diversi aspetti della polizza auto e moto, eccone alcuni a titolo di esempio:

  • clausola di recesso,
  • clausola di sospensione dell’assicurazione e di riattivazione,
  • clausola che stabilisce l’importo del premio e le modalità di pagamento
  • clausole contrattuali relative alle garanzie accessorie all’RC (garanzia furto incendio, garanzia cristalli, tutela del conducente etc.).

La nullità delle clausole contrattuali può comportare l’annullabilità dell’intero contratto assicurativo. Ciò avviene quando si tratta di clausole contrattuali vessatorie, che limitano i diritti dell’assicurato, ne rendono difficile l’esercizio o creano squilibri nel rapporto con la compagnia.

Si considerano tali ad esempio, i patti che impongono all’assicurato il rinnovo del contratto nonostante l’abolizione del tacito rinnovo RC, che permette ad automobilisti e motociclisti di cambiare compagnia alla scadenza dell’assicurazione senza oneri e penali.

Le clausole contrattuali più importanti nei contratti di assicurazione RC sono quelle relative alla franchigia e allo scoperto, che stabiliscono in caso di sinistro una percentuale di danno a carico dell’assicurato.

Esenzione bollo auto 2021: a chi spetta

Nelle ultime settimane si è parlato con una certa insistenza di esenzione dal pagamento del bollo auto 2021. La tassa automobilistica, come previsto dalla normativa, è dovuta ogni anno da chi possiede un veicolo, a prescindere dal suo effettivo utilizzo. Ecco tutto quello che c'è da sapere in merito all'esenzione del bollo auto 2021 ed alle proroghe sulle scadenze dei pagamenti previsti su base regionale come stabilito da alcune Regioni.

Preventivi polizze auto 2021: le migliori assicurazioni di Febbraio 2021

Trovare un'assicurazione per la vettura che sia conveniente e copra al meglio il vostro veicolo può essere un'impresa, per poter rendere più semplice questa ricerca ci si può affidare ad un confronto online dei preventivi delle polizze auto. In questa guida vedremo come individuare le migliori assicurazioni auto e scegliere la più conveniente

Auto vecchie: chi paga il bollo?

Il bollo auto è il nome comune della tassa automobilistica dovuta ogni anno per il possesso di un determinato veicolo. Si tratta, quindi, di uno dei principali "costi fissi" per i proprietari di auto e moto e deve essere tenuto in considerazione nella valutazione dei costi di mantenimento del veicolo. Non tutte le auto devono pagare il bollo o devono pagare la tassa per intero. La normativa prevede, infatti, condizioni agevolate per il bollo delle auto "vecchie". Ecco tutto quello che c'è da sapere.
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »