Carta Verde


La carta verde è un documento rilasciato dalle compagnie di assicurazioni auto, moto e altri veicoli per circolare all’estero, fuori dall’Italia, nei Paesi che abbiano aderito al c.d. Sistema della Carta Verde.

Confronta compagnie assicurative »Vai

La carta verde consente di muoversi al di fuori dei confini italiani coperti da assicurazione della responsabilità civile (RC) come se il veicolo circolasse in Italia.

Si tratta in sostanza di un'estensione extra-territoriale della validità dell’assicurazione che permette di ottenere il risarcimento del danno in caso di sinistro per i danni provocati a terzi o per quelli subiti.

La carta verde viene rilasciata all’acquisto della polizza auto, moto o altri veicoli dalla compagnia assicurativa di riferimento, insieme all’attestato di rischio, ma può anche essere richiesta successivamente, quando si intraprende un viaggio all’estero.

La carta verde ha la stessa validità temporale dell’RC cui è legata (nella maggior parte dei casi 1 anno). In caso di sospensione dell’assicurazione, il documento deve essere restituito alla compagnia, e l’automobilista ne rientra in possesso solo alla riattivazione della polizza RC moto o auto.

Chi non possiede la carta verde e varca i confini italiani con un mezzo di trasporto, può acquistare comunque polizze temporanee alla frontiera, che comunque hanno un costo molto alto.

In virtù di accordi internazionali, la carta verde non è necessaria per circolare in Andorra, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Irlanda, Islanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Regno Unito, Repubblica Slovacca, Romania, Serbia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria.

È invece necessaria per viaggiare in Albania, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, Marocco, Moldavia, Russia, Montenegro, Tunisia, Turchia, Ucraina.

Esenzione bollo auto 2021: a chi spetta

Nelle ultime settimane si è parlato con una certa insistenza di esenzione dal pagamento del bollo auto 2021. La tassa automobilistica, come previsto dalla normativa, è dovuta ogni anno da chi possiede un veicolo, a prescindere dal suo effettivo utilizzo. Ecco tutto quello che c'è da sapere in merito all'esenzione del bollo auto 2021 ed alle proroghe sulle scadenze dei pagamenti previsti su base regionale come stabilito da alcune Regioni.

Preventivi polizze auto 2021: le migliori assicurazioni di Febbraio 2021

Trovare un'assicurazione per la vettura che sia conveniente e copra al meglio il vostro veicolo può essere un'impresa, per poter rendere più semplice questa ricerca ci si può affidare ad un confronto online dei preventivi delle polizze auto. In questa guida vedremo come individuare le migliori assicurazioni auto e scegliere la più conveniente

Auto vecchie: chi paga il bollo?

Il bollo auto è il nome comune della tassa automobilistica dovuta ogni anno per il possesso di un determinato veicolo. Si tratta, quindi, di uno dei principali "costi fissi" per i proprietari di auto e moto e deve essere tenuto in considerazione nella valutazione dei costi di mantenimento del veicolo. Non tutte le auto devono pagare il bollo o devono pagare la tassa per intero. La normativa prevede, infatti, condizioni agevolate per il bollo delle auto "vecchie". Ecco tutto quello che c'è da sapere.
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »