Bonus Malus


Si definisce Bonus Malus quel meccanismo applicato dalla maggior parte delle assicurazioni Rca sui veicoli a motore. Il sistema comporta la variazione del premio dovuto dal cliente all’assicurazione (in aumento o in diminuzione) di anno in anno, secondo le seguenti modalità:

  • Con il “bonus” si applica uno sconto sul premio assicurativo in ragione della virtuosità dell’assicurato che non si è reso responsabile di sinistri durante il periodo di osservazione (tale periodo dura 10 mesi a differenza dell’anno assicurativo);
  • con il “malus” invece, si applica una maggiorazione sul premio in ragione dell’evento sinistroso provocato con colpa o concorso di colpa.

Il sistema Bonus Malus è legato al sistema delle classi di merito assicurative (C.U.), perché lo sconto offerto dal bonus si sostanzia non solo nella riduzione del premio, ma anche nell’avanzamento di una classe assicurativa. In questo modo, anche chi decide di cambiare compagnia, può usufruire dello sconto, perché la nuova classe raggiunta viene indicata nell’attestato di rischio. Chi invece si rende responsabile anche di un solo incidente, in base al sistema Bonus Malus, degrada di due classi di merito. Ciò comporta che le classi di merito, fissate in numero di 18, siano più o meno costose in base alla virtuosità dell’assicurato.

Chi raggiunge la 1^ classe di merito non commettendo sinistri infatti, ha guadagnato una serie consecutiva di bonus e pagherà l’assicurazione più economica. Chi al contrario scende a classi inferiori paga di più (la classe più costosa è la 18^). Il sistema Bonus Malus dunque è stato creato per incentivare uno stile di guida prudente. I neopatentati entrano nel sistema Bonus Malus con una classe 14^, in ragione della loro inesperienza alla guida.

Il meccanismo Bonus Malus, vale sia per le assicurazioni auto che per le assicurazioni dei motoveicoli o di altri veicoli a motore.

Trova polizza auto più conveniente »Vai

Bollo auto, da gennaio 2020 solo con PagoPA: ecco cosa cambia

Il prossimo 1° gennaio 2020 entrerà in vigore un importante novità per quanto riguarda il sistema di pagamento del Bollo Auto, la tassa automobilistica che rappresenta uno dei principali "costi fissi" legati al possesso di un veicolo. Dal prossimo anno, infatti, gli automobilisti saranno obbligati a pagare il Bollo Auto affidandosi, esclusivamente, al circuito PagoPA. Questa novità è inclusa negli ultimi emendamenti al Decreto Fiscale che introducono una serie di importanti novità per il settore automobilistico. Ecco tutti i dettagli:

Assicurazione auto, ecco la RC familiare: come funziona e quanto si risparmia

RC auto: è in arrivo una novità che permetterà di risparmiare sull’assicurazione auto. In base a quanto contenuto nel Decreto di Legge Fisco, approvato dalla Commissione Finanze alla Camera, sarà possibile usufruire della fascia assicurativa più bassa in famiglia per tutti i veicoli appartenenti al nucleo familiare, non solo le automobili, ma anche le moto e gli scooter: ecco qual è risparmio previsto e come funzionerà la nuova assicurazione auto.

Aumenti benzina, RC auto, bollette e autostrade: ecco la stangata della manovra

Proseguono i lavori sulla manovra e un maxi emendamento presentato in Senato potrebbe portare ad aumenti generalizzati per bollette energia, pedaggi autostrade e carburante. Ecco di cosa si tratta e su chi peseranno i rincari. Modifiche in vista anche per quanto riguarda la proposta di rc auto familiare. Ridimensionate, anzi praticamente annullate, sia la plastic tax che le imposte sulle auto aziendali
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »

Guide

FAQ