Anno assicurativo


L’anno assicurativo è quel periodo calcolato a partire dalla data di decorrenza dell’assicurazione, che di solito coincide con il pagamento del premio Rca all’assicuratore.

Ai fini della decorrenza degli anni assicurativi si prendono in considerazione sempre gli anni interi, che, nelle RC auto e moto durano 12 mesi, garantendo la validità della copertura obbligatoria per 1 anno appunto (es. una polizza annuale in scadenza il 10 luglio 2016 scadrà lo stesso giorno dell’anno successivo, pertanto, la data di decorrenza della nuova assicurazione dovrà essere a partire dal 10 luglio 2017).

L’anno assicurativo si distingue dal periodo di osservazione Rca, necessario per calcolare la classe di merito. A differenza dell’anno assicurativo il periodo di osservazione ha una durata pari a 10 mesi. Tanto la copertura RC auto e moto base (sola assicurazione per la responsabilità civile), quanto le eventuali garanzie accessorie acquistate (polizza furto incendio, cristalli, kasko, tutela del conducente, assistenza stradale etc etc.) hanno validità limitata all’anno assicurativo e devono essere rinnovate per continuare ad essere valide.

Tuttavia, a partire dall’abolizione del tacito rinnovo, entrata in vigore dal 1° gennaio 2013 con il Decreto Legge n°179 (Sviluppo Bis) è stato introdotto un meccanismo di ultrattività di validità dell’assicurazione, che estende l’anno assicurativo a 12 mesi +15 giorni. I 15 giorni sono detti “periodo di tolleranza” e consentono ad automobilisti e motociclisti di continuare a circolare per ulteriori quindici giorni calcolati a partire dalla scadenza dell’anno assicurativo senza incorrere nelle sanzioni previste dal Codice della Strada per mancanza di RC. 

Se si hanno dubbi sul rinnovo dell'assicurazione con la vecchia compagnia o sulla possibilità di cambiare, il periodo di tolleranza di 15 gg può essere utile per confrontare con calma altri preventivi moto o auto.

Confronta le migliori RC »Vai

Esenzione bollo auto 2021: a chi spetta

Nelle ultime settimane si è parlato con una certa insistenza di esenzione dal pagamento del bollo auto 2021. La tassa automobilistica, come previsto dalla normativa, è dovuta ogni anno da chi possiede un veicolo, a prescindere dal suo effettivo utilizzo. Ecco tutto quello che c'è da sapere in merito all'esenzione del bollo auto 2021 ed alle proroghe sulle scadenze dei pagamenti previsti su base regionale come stabilito da alcune Regioni.

Preventivi polizze auto 2021: le migliori assicurazioni di Febbraio 2021

Trovare un'assicurazione per la vettura che sia conveniente e copra al meglio il vostro veicolo può essere un'impresa, per poter rendere più semplice questa ricerca ci si può affidare ad un confronto online dei preventivi delle polizze auto. In questa guida vedremo come individuare le migliori assicurazioni auto e scegliere la più conveniente

Auto vecchie: chi paga il bollo?

Il bollo auto è il nome comune della tassa automobilistica dovuta ogni anno per il possesso di un determinato veicolo. Si tratta, quindi, di uno dei principali "costi fissi" per i proprietari di auto e moto e deve essere tenuto in considerazione nella valutazione dei costi di mantenimento del veicolo. Non tutte le auto devono pagare il bollo o devono pagare la tassa per intero. La normativa prevede, infatti, condizioni agevolate per il bollo delle auto "vecchie". Ecco tutto quello che c'è da sapere.
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »