È a conoscenza di motivi ostativi al rilascio del passaporto: rispondere "sì" o "no"?


Il passaporto è indispensabile per viaggiare oltre i confini dell’Unione Europea. Ci sono delle ragioni precise per cui vi potrebbero rifiutare il rilascio del documento, ecco quali sono e come fare nei differenti casi.

Tra le mete più ambite quest’anno ci sono posti esotici come gli Emirati Arabi, che si stanno tirando a lucido in vista dell’Expo Dubai 2020, ma anche gli intramontabili Caraibi con le spiagge bianche e la salsa che risuona per le strade. Anche il Giappone è stato uno dei luoghi preferiti dai turisti.

Per tutte queste destinazioni oltre a trovare una buona assicurazione viaggio, sarà necessario munirsi di un passaporto. Se non lo avete ancora richiesto presso la Questura in pochi passaggi vi spieghiamo come ottenere il passaporto. In particolare, ecco una guida sui motivi ostativi al rilascio del documento. Cosa significa questa dicitura e come agire in questo caso.

è a conoscenza dei motivi ostativi al rilascio del passaporto?

I passaporti elettronici

Iniziamo dal principio. Dal 2010 anche in Italia sono stati introdotti i passaporti elettronici, sembrano in tutto uguali ai vecchi documenti ma nella prima pagina è presente un microchip che consente la lettura automatica dei dati personali e biometrici della persona. Quindi in questo dispositivo sono contenuti:

  • nome e cognome
  • data di nascita
  • luogo di nascita
  • impronte digitali
  • foto
  • firma

Quando scade il documento e quanto costa

Ci sono delle differenze tra i passaporti per adulti e quelli dei minori, il più rilevante riguarda i tempi di validità del documento. Per i maggiorenni il passaporto vale 10 anni e una volta scaduto si deve procedere con la richiesta di un nuovo documento, non è infatti possibile effettuare un rinnovo. Il passaporto per i minorenni invece vale al massimo per 5 anni, per i bambini fino a 3 anni si rinnova ogni 3 anni poi fino ai 18 anni sarà quinquennale.

Il bollo sul passaporto ormai è stato abolito dal 2014, si deve applicare una marca da bollo solo per il primo rilascio. Le spese per avere il proprio documento di identità valido per l’estero sono aumentate in questi anni fino a superare i 110 euro.

Quando richiederete il passaporto dovrete versare:

  • 50 euro per il libretto
  • 50 euro per il contrassegno elettronico

La marca da bollo può essere acquistata in qualsiasi tabaccheria autorizzata. Si dovrà comprarla per completare la procedura di rilascio o per richiedere un duplicato del documento.

I motivi ostativi al rilascio

Veniamo quindi  ai motivi ostativi al rilascio del passaporto. Questa definizione significa semplicemente che ci sono delle ragioni per cui vi possono rifiutare la consegna del documento. Vediamo di seguito quali sono. 

Per Legge ci sono 7 motivi ostativi al rilascio del passaporto:

  1. Per i minori se il tutore o chi esercita la patria potestà rifiuta il consenso o se il giudice tutelare rifiuta l’autorizzazione
  2. Anche i genitori sottoposti a pratiche presso il giudice tutelare possono non ottenere l’autorizzazione al rilascio. Le uniche deroghe in questo caso sono che la richiesta venga autorizzata dall'altro genitore. C’è anche il caso particolare in cui il genitore responsabile sia uno solo, magari perché l’altro partner militare in missione all'estero
  3. Uno dei motivi per non ottenere il passaporto è la fedina penale sporca. In dettaglio la legge prevede che si possa rifiuta il documento a chi abbia un mandato o un ordine di cattura o di arresto. Non tutti i reati ostacolano l’ottenimento del passaporto solo quelli che implichino un procedimento penale con mandato di cattura. Si può però avere una deroga con un nulla osta dell’autorità giudiziaria o qualora sia un caso con sentenza di proscioglimento o di condanna ad una pena interamente espiata o condonata
  4. Altro motivo è il mancato pagamento di una multa o di pene amministrative convertite in pene superiori a 2 mesi di reclusione
  5. Coloro che siano sottoposti ad una misura di sicurezza detentiva
  6. Anche chi non abbia espletato l’obbligo del servizio militare di leva o che abbiano particolari vincoli speciali obblighi militari. In questo caso il Ministro per la difesa o l’autorità delegata dovrà rilasciare il proprio assenso
  7. Chi è all'estero e abbia compiuto vent'anni e non abbia risposto agli obblighi militari potrebbe non ricevere l’ok dal Ministero competente

Rispondere Sì o No? 

La domanda è posta in maniera un poco fuorviante, in quanto non viene chiesto chiaramente "ti trovi in una delle condizioni ostative al rilascio del passaporto" - e in quel caso esclusi i punti elencati sopra sarebbe ovvia una risposta negativa - ma si usa l'espressione "essere a conoscenza"(e noi potremmo essere a conoscenza dei motivi ostativi, ma non toccati da nessuna delle condizioni sopra esposte).
Al di là del burocratese, la domanda significa semplicemente: "hai qualche precedente elencato nell'art. 3 L.1185/67?". Pertanto, NO è la risposta da dare qualora non ci si trovi in nessuna delle condizioni indicate al paragrafo precedente.  

Tempi per il rilascio

Una volta verificato di non rientrare in uno dei casi sopraelencati passiamo ai tempi per il rilascio del passaporto. Non ci sono delle tempistiche precise, l’elaborazione delle domande può essere più o meno lunga a seconda del numero complessivo di richieste ricevute dal Comune. In genere se la domanda viene inoltrata agli uffici della Questura invece occorrono una quindicina di giorni.

Come rispondere in caso di rifiuto del rilascio

Nei casi più semplici, cioè ad esempio nel caso di multe evase o di altri pagamenti non corrisposti, si potrà tentare una seconda domanda una volta messa in ordine la propria situazione come pagatore. Più complessi i casi di separazione o di condanne.

Ad esempio, se vi state separando e non avete ottenuto il passaporto per vostro figlio perché non siete il genitore affidatario sarà sufficiente inoltrare nuovamente la domanda con la firma del genitore che detiene la patria potestà. Per le condanne penali non si potrà che rivolgersi all'avvocato e ottenere da lui l’invio di una specifica richiesta, ma è difficile che vengano concesse deroghe ed eccezioni.

Come posso richiedere il nuovo passaporto

Innanzitutto, recatevi presso:

  • Questura
  • Ufficio passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza
  • Stazione dei Carabinieri
  • Comune

Per la presentazione della domanda dovrete assicurarvi di avere:

  • il modulo stampato e compilato della richiesta passaporto
  • copia del documento di riconoscimento valido
  • 2 foto formato tessera
  • copia del pagamento effettuato
  • marca da bollo da 73,50 euro

Procedura online

Le nuove tecnologie permettono di bypassare le file presso gli uffici. Collegandosi al sito della Polizia dello Stato si può compilare tutti i moduli necessari, si dovrà poi procedere al pagamento delle tasse e del contrassegno elettronico e inviarne copia alla Questura.

Dopo di che si dovrà prenotare un appuntamento per recarsi presso l’ufficio farsi fotografare e prendere le impronte digitali. Al termine del processo vi sarà comunicato quando il passaporto potrà essere ritirato o vi sarà possibile richiederne l’invio presso la vostra abitazione.

Dove e come ritirare il documento

Per il ritiro del passaporto si può scegliere se recarsi agli uffici o richiedere di riceverlo tramite posta. Quando avrete espletato tutta la procedura descritta e salvo impedimenti, vi sarà comunicato tramite mail il giorno in cui potrete prendere il passaporto.

Se non potrete recarvi di persona presso l’ufficio dovrete compilare anche un documento di delega per una terza persona. L’unica condizione è che la persona incaricata sia maggiorenne e munito sia del suo documento di identità che di una fotocopia del vostro documento di riconoscimento. Si dovrà anche presentare una delega firmata dal responsabile dell’anagrafe comunale o dal notaio.

L’invio a casa

Da 5 anni si può anche richiedere la consegna tramite corriere delle Poste. La consegna con il recapito al domicilio ha un costo di 8 euro circa. Per ottenere questo servizio si dovrà solo farne richiesta e si dovrà compilare il modulo con i dati relativi all’indirizzo presso cui riceverlo. Consegnando il documento con i dati l’Ufficio della Questura o del commissariato vi darà una ricevuta con cui potrete rintracciare la spedizione.

Qualora il passaporto non dovesse arrivare entro un mese dalla domanda per un errore nell'indirizzo di consegna o per disguidi con il corriere potrete recarvi presso l’Ufficio Passaporti. Se invece dovesse essere smarrito il documento le Poste vi dovranno rimborsare.

I passaporti d’urgenza

Ci sono alcuni casi in cui si può ottenere un documento con validità di massimo un anno. Questo passaporto temporaneo ha solo 16 pagine e non ha il microchip. Si può rilasciare solo per due categorie di ragioni: qualora non si possa rilevare le impronte digitali o in una serie di casi eccezionali (tra motivi di lavoro, salute o familiari).

I documenti che vi saranno richiesti in questo caso saranno:

  • la carta di identità o un altro documento
  • 2 foto tessera
  • Ricevuta del pagamento di 5.20 euro
  • Vecchio passaporto

Per poter viaggiare sicuri e senza altri pensieri, quando riceverete il passaporto potrete scegliere l’assicurazione viaggio più vantaggiose per la meta prescelta. Grazie al comparatore di SosTariffe.it potrete conoscere i diversi preventivi delle polizze e i vantaggi aggiuntivi proposti dalle compagnie assicurative.

Confronta le assicurazioni viaggioVai

 

 

Coronavirus in Italia, le ultime news e i sintomi: come distinguerlo dall'influenza

Il Coronavirus è arrivato in Italia. A partire da venerdì 21 febbraio, il numero di casi di contagio registrati nel nostro Paese è iniziato ad aumentare in modo esponenziale con diversi focolai in alcune aree del Nord italia. Ecco le ultime news sul Coronavirus e quali sono i sintomi e come distinguerlo dalla comune influenza. 

RC auto familiare, si parte oggi 16 febbraio: come funziona e quanto si risparmia

Il settore delle assicurazioni auto registra l'arrivo di una grandissima novità. Si tratta della nuova RC auto familiare, un'inedita misura normativa prevista dal decreto fiscale 2020 che va a rivoluzionare il settore assicurativo andando ad espandere il raggio d'azione della Legge Bersani ed offrendo un'importante occasione di risparmio alle famiglie italiane. La nuova RC auto familiare entra in vigore da oggi domenica 16 febbraio. Ecco, quindi, come funzione e quanto si risparmia affidandosi alla nuova RC auto familiare. 

Bollo auto, sconti ed esenzioni nel 2020: a chi spettano

Il bollo auto è il nome comune con cui ci si riferisce alla tassa automobilistica, il tributo annuale da versare per il semplice possesso di un veicolo. La normativa vigente prevede una serie di sconti ed esenzioni per il pagamento del bollo auto in base al tipo di veicolo in proprio possesso ed alla regione di residenza. Ecco, quindi, quali sono ed a chi spettano gli sconti e le esenzioni del 2020 per il bollo auto. 
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »

Guide