Sos Tariffe › News ›
TV

Esonero canone Rai: sopra i 75 anni non si deve pagare

Dal 2008, chi ha compiuto i 75 anni di età è esonerato dal pagamento del Canone Rai per la tv posseduta nell'abitazione, purché nell’anno precedente non abbia superato, insieme con il coniuge, un reddito complessivo di 6.713,98 euro. Secondo l'Agenzia delle Entrate, per poter fruire dell’agevolazione, è richiesto anche che il beneficiario non conviva con altre persone, diverse dal coniuge, che hanno redditi propri. Scopri le altre categorie esonerate dal pagamento del canone Rai.
Canone Rai: chi è esonerato e come si fa per non pagarlo?
Tariffe correlate
Sky TV
29 €/mese
Dettagli
Sky + Fastweb
25.00 €/mese
Dettagli
Mediaset Premium
19.00 €/mese
Dettagli

Il pagamento del Canone Rai è obbligatorio per tutti quelli che possiedano un apparecchio adatto alla ricezione di programmi tv, a prescindere dal suo effettivo utilizzo o dalla preferenza delle emittenti televisive. Difatti, il canone è legato alla detenzione dell’apparecchio, al di là se questo rimane spento o non si guardano i canali della Rai.

Si può non pagare il canone?

Alcune categorie sono esonerate dal pagamento del canone televisivo. Questo è il caso delle persone che hanno compiuto i 75 anni d’età. Per avere diritto all’esenzione occorre:

  • aver compiuto 75 anni di età entro il termine di pagamento del canone;
  • non convivere con altri soggetti diversi dal coniuge titolari di reddito proprio;
  • possedere un reddito insieme a quello del proprio coniuge convivente, che non superi complessivamente i 516,46 euro per tredici mensilità (6.713,98 euro annui).

Se il versamento del canone è già stato effettuato, è possibile recuperare gli importi presentando un’istanza di rimborso. Ecco il Modello per la Richiesta del Rimborso del Canone Rai.

Canone Rai: requisiti per l’esonero 

Oltre ai 75enni che riuniscono i requisiti sopramenzionati, sono esonerati dal pagamento del Canone Rai esclusivamente:

Militari delle Forze Armate Italiane

L’esenzione è prevista solo per gli ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate. La detenzione del televisore all’interno di un alloggio privato, anche se situato dentro le strutture militari, non esonera dal pagamento del canone.

Militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato

Possono usufruire dell’esonero scrivendo al S.A.T. Sportello Abbonamenti TV allegando dichiarazione del Comando da cui dipende l’interessato o autocertificazione attestante l’appartenenza alle Forze armate della NATO.

Agenti diplomatici e consolari

Se stranieri accreditati in Italia e a condizione che nel paese da loro rappresentato pure i rappresentanti diplomatici italiani ivi accreditati godano di uguale trattamento.

Rivenditori e riparatori TV

Vi ricordiamo che nemmeno se si paga il canone satellitare o una pay tv, non si è esonerato dal pagamento del canone televisivo. Utilizzate il nostro comparatore gratuito per trovare la tariffa tv che meglio si adatta alle vostre.

Confronta Tariffe Pay TV

Aggiornamento 2014: Canone Rai in bolletta luce?

Il canone Rai si potrebbe pagare in bolletta luce o inserito nella dichiarazione dei redditi. Ammonterebbe a 65 euro, che sarà possibile diluire per ciascuna delle bollette (mensili o bimestrali a seconda del gestore della fornitura luce).

Il canone si pagherà per tutte le abitazioni: chi ne avrà due o tre si vedrà recapitare tre o due canoni distinti in bolletta.

A pagare saranno non solo i possessori dell’apparecchio televisivo, come accade finora, ma anche di pc, tablet e smartphone (un particolare che verrebbe specificato in un decreto ministeriale dopo il via libera alla riforma).

Esenzioni del canone Rai in bolletta luce?

Advertisement

L’utente avrebbe la possibilità di non pagare il canone dichiarando, sotto la sua responsabilità, di non usare nessuno dei seguenti 5 apparecchi elettronici: televisore, pc, laptop, tablet, smartphone.

Continuano ad essere previste le esenzioni: è esente dal pagamento del canone Rai 2015 chi ha compiuto entro il 31/01/15 il 75esimo anno di età. In tal caso è necessario inviare la richiesta di esonero entro il 30 aprile. Mentre per il secondo semestre la data ultima è stata fissata per il 31 luglio.

Ci sono altri due casi in cui si è esenti dal pagamento del canone:

  • Chi non convive con altre persone differenti dal coniuge titolare del proprio reddito;
  • Quando il reddito del proprio coniuge non supera i 516,46 euro (tredici mensilità), per un totale annuo di 6.713.98.

Aggiornamento al 26 novembre 2014

Palazzo Chigi ha fermato l’ipotesi del governo Renzi di rendere effettivo il nuovo canone da gennaio 2015 tramite un emendamento nella legge di stabilità. I tempi sarebbero troppo stretti per permettere una riflessione e scelte strategiche quanto alla gestione di una nuova tassa in bolletta elettrica.

Infatti sarebbero notevoli i tempi tecnici per ridisegnare le bollette, modificando i software, questione, tra le altre, molto a cuore ai gestori di fornitura che hanno avanzato molte perplessità rispetto all’uso delle bollette elettriche come mossa per recuperare l’alta evasione.

Advertisement

Commenti Facebook:

Sos Tariffe S.r.l. - P.Iva 07049740967 - È vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica. © 2008 - 2014